Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 16/07/2018 alle ore 22:34

Attualità e Politica

10/07/2018 | 17:23

Giochi, Kessler (Dir. Agenzia Dogane e Monopoli): "Processo di riduzione Awp concluso, ma c'è altro da fare"

facebook twitter google pinterest
kessler agenzia dogane monopoli

ROMA - «Il tema della localizzazione delle Awp sarà una chiave per il futuro. Le Awp sono a rischio per la dipendenza e per la vicinanza dei minori, sono state ridotte di numero, ma forse il processo non è finito. Bisogna chiedersi dove metterle. Ci vuole un piano complessivo che impedisca ai giovani di avvicinarsi e consenta di intervenire su chi è dipendente. Su online e Vlt che hanno un sistema di tracciamento più efficace, si possono fare degli interventi, mentre sulle Awp attualmente è più difficile, magari in futuro con le Awpr sarà più facile». Lo ha detto Giovanni Kessler, direttore dell'Agenzia delle Dogane e dei Monopoli, nel corso dell'incontro sul futuro dell'industria del gioco legale, tenuto questo pomeriggio a Roma in Confindustria. «Siamo disponibili a collaborare, Adm deve garantire legalità e raccolta erariale di un mercato sensibile come quello dei giochi. - ha spiegato ancora Kessler - Naturalmente non siamo noi a stabilire gli indirizzi politici che appartengono al Governo e al Parlamento. Noi da parte nostra eseguiamo, e attuiamo gli indirizzi indicati, ovviamente contribuendo con vari dati e notizie sulle scelte da compiere. Questo Governo già dai suoi primi giorni di attività ha espresso il suo pensiero sul settore, come avevano fatto anche i Governi precedenti, in particolare sul tema della lotta al gioco patologico. E ci sono ragioni per il Governo per avere questa posizione così forte sul tema». 
Kessler ha, poi, anticipato i risultati della ricerca dell'Istituto Superiore di Sanità, che sarà pubblicata a settembre 2018, sul gioco problematico. «Il 36% degli italiani ha giocato almeno una volta,18,5 milioni, un maschio su due, una donna su tre, e di questi 1,5 milioni sono giocatori problematici e 1,4 milioni sono a rischio moderato. Tra i giocatori problematici, il 50% ha giocato alle Awp, il 33% alle Vlt e l'11% alle scommesse virtuali. - ha spiegato Kessler - L'intervento più urgente è quello sui giochi più problematici, in ogni caso ci vorrà una politica nazionale, visto che anche noi come Adm abbiamo difficoltà a dare concessioni che hanno un forte impatto economico e che non possono essere localizzate sul territorio».
Sul fronte del gioco illegale, ha concluso il direttore dell'Agenzia delle Dogane e dei Monopoli, occorre «rafforzare gli interventi. Entro la fine dell'anno ci sarà un'unica Direzione Antifrode e Controllo con più personale, e in prima battuta si penserà a una politica sanzionatoria più efficace, ma ci sono anche altri strumenti. Senza dimenticare che nei luoghi autorizzati, spesso, avvengono giocate non legali».

NT/Agipro 

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

x

AGIPRONEWS APP
Gratis - su Google Play
Scarica

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password