Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 26/01/2021 alle ore 16:09

Attualità e Politica

16/12/2020 | 16:30

Manovra, Camera: lavori a rilento in Commissione Bilancio, verso slittamento dell'approdo in Aula

facebook twitter google pinterest
manovra Camera Commissione Bilancio Aula

ROMA - Le sedute del pomeriggio previste per la Commissione Bilancio, impegnata nell'esame della manovra, sono state sconvocate e ancora non è stato depositato il pacchetto di riformulazioni di Governo e relatori annunciato in chiusura della seduta di questa mattina. Appare sempre più probabile un rinvio dell'approdo in Aula del testo, al momento fissato per venerdì, mentre continuano le riunioni tra Governo, maggioranza e opposizione per trovare l'accordo su alcune modifiche condivise. Alle 17:30 è in programma una riunione della conferenza dei capigruppo che dovrà esprimersi sulla richiesta di invertire i lavori dell'Aula, per dare precedenza all'approvazione definitiva del Decreto Ristoro (che deve essere convertito in legge entro il 27 dicembre) e poi passare all'esame della manovra. 
Nella seduta di questa mattina è stato accantonato l'emendamento di Paolo Russo (Forza Italia) che propone di «uniformare la tassazione nel settore delle scommesse ippiche a quelle sportive» e di ridurre a scaglioni il prelievo per tutte le scommesse a quota fissa sulle corse di cavalli, applicato sul margine: se la raccolta raggiungerà i 300 milioni di euro, il prelievo sarà ridotto al 34% per la rete fisica e al 38% per l'online; se raggiungerà i 400 milioni di euro, le percentuali saranno rispettivamente 25 e 29%, mentre se arriverà a 500 milioni di euro, il prelievo sarà ridotto al 20 e al 24%. L'emendamento prevede che il prelievo sarà destinato «per il 33% a titolo di imposta unica e per il 67% al finanziamento dei montepremi, degli impianti e delle immagini delle corse e delle provvidenze per l’allevamento dei cavalli». Respinte tutte le altre proposte sui giochi che fissavano l'aliquota del preu per le slot al 21,60% e chiedevano una proroga delle concessioni giochi e delle nuove gare, la chiusura del contenzioso con i concessionari di scommesse, una proroga dei versamenti per i concessionari del bingo e lo stop all'aumento del preu per slot e VLT che sarebbe scattato dal prossimo anno.
MSC/Agipro

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

x

AGIPRONEWS APP
Gratis - su Google Play
Scarica

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password