Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 10/12/2018 alle ore 12:45

Attualità e Politica

25/07/2018 | 11:06

Lotta al match fixing, ESSA: nel secondo trimestre 2018 segnalati 62 incontri sospetti, il 71% riguarda il tennis

facebook twitter google pinterest
match fixing ESSA

ROMA - Nel secondo trimestre del 2018 sono 62 gli incontri sportivi segnalati dalla European Sport Security Association (ESSA) per flussi di scommesse anomale, il 71% di questi - 44 match - è relativo a partite di tennis: è quanto si legge nel report trimestrale dell’associazione. Tra gli altri sport, in 12 casi le segnalazioni riguardano il calcio, uno ciascuno in basket, beach volley, boxe, pallamano, bocce ed eSports.

«Un report della società Perform Group & Stars Lizard rivela che nel 2017 su circa 55mila partite di calcio giocate, in 397 casi (lo 0,73%) sono stati rilevati sospetti - dice il segretario generale dell’ESSA Khalid Ali - La nostra associazione ne ha segnalato 45, questo dimostra che i gruppi criminali evitano in misura sempre maggiore di rivolgersi agli operatori autorizzati e regolari associati ad ESSA. Abbiamo svolto un ruolo fondamentale nel rendere più trasparenti i casi di match fixing collegati alle scommesse - ha aggiunto - per questo abbiamo guardato con sincero interesse la pubblicazione dell’Interim Report sul tennis dell’Independent Review Panel. Siamo d’accordo con molte delle raccomandazioni formulate e desideriamo lavorare con questo sport per affrontare le questioni relative alle scommesse. Tuttavia, nutriamo serie preoccupazioni sulla proposta di interrompere la commercializzazione dei dati sull’andamento dei match dei tornei minori, in particolare se sia una misura proporzionata al problema e capace di dare una soluzione pratica ed efficace». «Stiamo cercando di offrire una serie di opzioni alternative basate su evidenze concrete - aggiunge - speriamo che ci sia la volontà di valutare la questione in modo più dettagliato, così da raggiungere una posizione reciprocamente vantaggiosa, che metta al primo posto l’integrità dei match, ma che non abbia allo stesso tempo un impatto commerciale negativo».

PG/Agipro

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

x

AGIPRONEWS APP
Gratis - su Google Play
Scarica

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password