Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 20/11/2018 alle ore 20:37

Attualità e Politica

26/04/2018 | 20:26

Giochi, Comune di Modena contro sala scommesse: "Troppo vicina a scuole, pronto provvedimento di chiusura"

facebook twitter google pinterest
modena giochi sala scommesse azzardo

ROMA -  Massima attenzione sulle sale da gioco di Modena, in particolare in viale Gramsci: se dovesse aprire una nuova sala scommesse il Comune attiverà immediatamente il procedimento per l'avviso di chiusura o delocalizzazione (in un'area distante almeno 500 metri dai luoghi considerati 'sensibili' come le scuole) così come previsto dalla legge regionale. Lo precisa l'assessore alla Legalità Andrea Bosi rispondendo in Consiglio comunale all'interrogazione a tema del Pd, a cura del suo esperto di sicurezza Antonio Carpentieri. Dopo aver ricordato che «la sala scommesse presente negli stessi locali è stata fatta chiudere nel luglio scorso dalla questura perché priva delle necessarie licenze», il consigliere dem chiede in particolare quale sia la situazione aggiornata in merito all'apertura di una nuova attività negli stessi locali. «Sono state chieste spiegazioni al legale rappresentante della società ma nel frattempo la Polizia municipale - dettaglia tra l'altro Bosi- ha effettuato un controllo riscontrando effettivamente l'allestimento in corso di 12 postazioni internet e otto schermi televisivi per trasmettere eventi sportivi reali e virtuali: tutto porta a pensare che stiano allestendo una sala scommesse che ricadrebbe quindi pienamente nel divieto di legge, ma non abbiamo strumenti per impedire l'apertura». Aggiunge Bosi: «Continueremo a controllare e se quella che aprirà sarà una sala scommesse, partirà immediatamente il procedimento di chiusura». Condivide Carpentieri: «L'esercizio di viale Gramsci era già stato chiuso un anno fa e ora riapre, apparentemente come internet point. Vogliamo essere sicuri che non si trasformi di nuovo in una sala scommesse, visto che nelle vicinanze ci sono due asili e una parrocchia». RED/Agipro 

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

x

AGIPRONEWS APP
Gratis - su Google Play
Scarica

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password