Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 24/07/2021 alle ore 20:44

Attualità e Politica

10/02/2021 | 12:41

Operazione "All In", Cassazione conferma custodia cautelare per uno degli indagati: gestiva attività di scommesse per conto dei boss

facebook twitter pinterest
operazione all in cassazione rubino

ROMA - Rimarrà in custodia cautelare in carcere Salvatore Rubino, uno degli indagati dell'operazione "All In" condotta dalla Guardia di Finanza di Palermo, che a giugno 2020 aveva smantellato due organizzazioni criminali che gestivano la raccolta illegale di scommesse. La Corte di Cassazione ha confermato la decisione del Tribunale di Palermo, che aveva accusato l'imputato di concorso esterno in associazione mafiosa. Dalle indagini, in particolare, era emerso che il boss palermitano Francesco Paolo Maniscalco, «formalmente estraneo alle attività imprenditoriali di Rubino» era di fatto coinvolto nella gestione di molteplici società di giochi e scommesse, tutte facenti capo proprio a Rubino. La Cassazione ha ritenuto «inammissibile» il ricorso dell'indagato, vista la «genericità delle censure». L'ordinanza del Tribunale, al contrario, «dà atto di numerosissimi pagamenti in contanti effettuati da Rubino a Maniscalco tramite uomini di fiducia». I giudici hanno inoltre fornito «ulteriori elementi che dimostrano la fittizia intestazione delle quote», punti «non censurati con argomenti specifici dal ricorrente». Il tutto per aggirare le «misure di prevenzione patrimoniali» a cui era soggetto Maniscalco. Per la Cassazione, quindi, rimane «l'impossibilità di escludere la permanenza di esigenze cautelari» e l'«inadeguatezza di misure diverse dalla custodia cautelare in carcere». LL/Agipro

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

x

AGIPRONEWS APP
Gratis - su Google Play
Scarica

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password