Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 25/11/2020 alle ore 17:29

Attualità e Politica

02/11/2020 | 17:00

Stop a corner scommesse e slot, Pastorino (Sts-Fit): "Perdite del 30% senza le giocate, il blocco di altri prodotti sarebbe insostenibile"

facebook twitter google pinterest
pastorino giochi scommesse

ROMA - «La decisione non è inaspettata, ma è chiaro che penalizzerà l'intera rete di tabaccherie, che pure è stata messa a dura prova nei mesi scorsi». Giorgio Pastorino, presidente Sts-Fit - il Sindacato Totoricevitori Sportivi aderente alla Federazione Italiana Tabaccai - commenta la decisione annunciata dal premier Conte per il nuovo Dpcm di chiudere i corner scommesse e di fermare gli apparecchi da gioco anche negli esercizi generalisti, come le tabaccherie. «Per alcuni punti vendita la raccolta di scommesse arriva anche al 30% del valore totale dell'attività - spiega Pastorino ad Agipronews - Questo porta ovviamente a una perdita di ricavi ma anche di investimenti fatti per adeguarsi alle misure di sicurezza previste dal Governo al momento della riapertura. Mi auguro che non succeda quello che è già accaduto lo scorso marzo - prosegue il presidente Sts-Fit - quando fu fermata anche la raccolta di Lotto e SuperEnalotto». Un blocco pressoché completo che per Pastorino è stata «una mazzata. Di limitazioni ce ne sono già abbastanza e probabilmente alcune attività possono continuare in sicurezza. Se il Governo ha recepito i nostri messaggi, forse non torneremo a quella situazione». Le sole attività "di base" secondo Pastorino non sono sufficienti a garantire la tenuta del sistema: «Ci reggiamo a fatica come tutti e se rimanessimo aperti solo per i tabacchi o i servizi al cittadino le spese potrebbero diventare insostenibili. Mi auguro - conclude - che gli altri prodotti da noi gestiti non vengano toccati».  LL/Agipro

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

Manovra Camera Aula

Manovra, Camera: testo in Aula il 18 dicembre

25/11/2020 | 15:21 ROMA - La legge di bilancio approderà in Aula alla Camera il 18 dicembre. E' quanto ha stabilito la conferenza dei capigruppo di Montecitorio. La manovra prevede il rinvio della gara per le concessioni Bingo al 31 marzo...

x

AGIPRONEWS APP
Gratis - su Google Play
Scarica

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password