Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 21/10/2020 alle ore 12:41

Attualità e Politica

10/05/2020 | 11:48

Le scommesse “salva sport”, Sistema Gioco Italia e Acadi: “Nuova tassa farà chiudere piccole imprese”

facebook twitter google pinterest
salvasport chiusura punti scommesse

ROMA - Acadi e Sistema Gioco Italia, anche in rappresentanza dei numerosissimi punti di vendita attraverso i quali si svolge l’attività di raccolta, esprimono “sconcerto e fortissima preoccupazione per l’ipotesi di introduzione di nuova tassa addizionale dello 0,75 % sul giocato delle scommesse sportive e virtuali che farebbe crescere l’onere fiscale complessivo a carico della filiera commerciale di oltre il 30%”. E’ quanto riporta una nota stampa congiunta delle due associazioni. “Questa ennesima tassa, se attuata, colpirà pesantemente la rete dei punti di scommessa”, una categoria che già sta subendo i gravi danni del prolungato lockdown e “vive con angoscia una situazione che, ad oggi, non vede da parte delle Istituzioni alcuna reale ipotesi di data per la riapertura, né tantomeno alcun reale intervento di sostegno per superare la crisi, discriminandola anche in questa drammatica situazione rispetto a quanto previsto per altri settori”. Acadi, Sistema Gioco Italia e le aziende associate stanno sostenendo i partner commerciali attraverso molte iniziative, prosegue la nota, ma questo impegno “non servirà a nulla se le Istituzioni non si renderanno conto del tremendo impatto negativo che proposte come quelle avanzate potrebbero avere sulla rete, sulle migliaia di piccoli imprenditori e sulle loro famiglie. Tutte le forze di Governo e le rappresentanze politiche lanciano giusti inviti all’unità, al lavoro comune, all’attenzione per le attività più a rischio: come è possibile che solo per gli operatori di scommesse, tradizionale baluardo della legalità sul territorio, si ipotizzi di percorrere una strada opposta, con un aumento delle tasse che rischierebbe di trasformare l’attuale chiusura temporanea dei punti di vendita in una chiusura definitiva? I piccoli imprenditori delle scommesse insieme a tutte le imprese del settore del gioco pubblico si sentono oggi solidali e partecipi di fronte ai gravissimi problemi del Paese, ma certamente non intendono diventare vittime degli interessi, anche legittimi, di altri settori”.

RED/Agipro

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

x

AGIPRONEWS APP
Gratis - su Google Play
Scarica

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password