Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 17/10/2018 alle ore 21:40

Attualità e Politica

07/05/2018 | 13:44

Scommesse, Cassazione conferma 4 mesi di reclusione per attività abusiva

facebook twitter google pinterest
scommesse cassazione abusive

ROMA - La Corte di Cassazione ha confermato la pena di 4 mesi di reclusione nei confronti di un esercente campano, già condannato dal Tribunale e della Corte di Appello di Salerno. L’imputato era stato indagato per gioco abusivo, per aver raccolto scommesse senza le dovute autorizzazioni. «I giudici del merito hanno accertato il fatto che l'imputato non si era limitato a svolgere le funzioni di intermediario fra i singoli scommettitori ed il concessionario, inoltrando a quest'ultimo le giocate fatte presso la sua ricevitoria - si legge nella sentenza - ma provvedeva a prendere direttamente parte al rapporto contrattuale, raccogliendo direttamente le scommesse, riscuotendo le relative poste e pagando immediatamente le eventuali vincite». I giudici supremi hanno escluso anche la cosiddetta “particolare tenuità del reato”: il comportamento dell’imputato va considerato «abituale» e come tale non può beneficiare delle attenuanti. Il reato dell’imputato non è consistito «nel compimento di atti isolati o occasionalmente sporadici», ma in una attività «inserita in una seriecontinua di condotte, come emerge dal fatto che plurime sono le ricevute delle giocate sottoposte a sequestro». Il reato era dunque caratterizzato da «abitualità del comportamento» e dunque il ricorso è stato rigettato. LL/Agipro

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

x

AGIPRONEWS APP
Gratis - su Google Play
Scarica

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password