Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 14/12/2019 alle ore 20:58

Attualità e Politica

19/11/2019 | 12:03

Scommesse, Cassazione: "Esercenti senza licenza non commettono reato se il loro bookmaker è discriminato"

facebook twitter google pinterest
scommesse cassazione bookmaker discriminato

ROMA - I gestori di sale scommesse che non possiedono la licenza di polizia non sono sempre condannabili per raccolta abusiva. È quanto ribadisce la Corte di Cassazione sul caso sollevato da un esercente in provincia di Roma, condannato dal Tribunale di Velletri e dalla Corte di appello a due mesi e venti giorni di reclusione. All'indagato era stata contestata l'attività svolta senza la necessaria richiesta di polizia - che viene concessa solo agli operatori muniti di concessione - un'accusa contro la quale l'esercente aveva sostenuto la mancata considerazione di un «profilo decisivo», ovvero l'«ingiusta esclusione» del bookmaker per il quale lavorava (Stanleybet) dalla gara per le concessioni scommesse. La Cassazione, annullando la sentenza per la prescrizione del reato, ha confermato comunque la tesi dell'esercente: «La Corte di appello - si legge - non ha verificato affatto se, "a monte", l'assenza di concessione in capo all'operatore Stanleybet e, prima ancora, l'esclusione dello stesso dalla gara per l'ottenimento della concessione medesima (e, per l'effetto, il difetto di licenza in capo all'imputato), fosse addebitabile ad una normativa interna contraria» ai principi europei. Circostanze decisive, visto che, concludono i giudici, non è considerabile reato «la raccolta di scommesse, in assenza di licenza, da parte di un soggetto che operi in Italia per conto di un operatore straniero cui la concessione sia stata negata per illegittima esclusione dai bandi di gara e/o mancata partecipazione a causa della non conformità». LL/Agipro

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

Scommesse illegali Enna

Scommesse illegali a Enna, denunciato il titolare di una sala

14/12/2019 | 17:01 ROMA - Blitz degli agenti del commissariato di Piazza Armerina (EN), con l’ausilio del personale dell’Agenzia dei Monopoli e delle Dogane, in una sala scommesse senza licenza. Sul posto sono stati trovati diversi scontrini...

x

AGIPRONEWS APP
Gratis - su Google Play
Scarica

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password