Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 20/03/2019 alle ore 15:08

Attualità e Politica

14/12/2018 | 12:51

Scommesse, Cassazione: "Vietato raccogliere gioco senza l'autorizzazione della Questura"

facebook twitter google pinterest
scommesse cassazione intermediazione

ROMA - Chi accetta personalmente scommesse senza avere la necessaria autorizzazione della Questura commette un reato. È quanto conferma la Settima sezione penale della Corte di Cassazione sul ricorso presentato dalla titolare di una sala scommesse, condannata a sei mesi di reclusione dalla Corte d'appello di Napoli. La tesi dell'imputata, secondo la quale la pena non corrisponde all'imputazione, è stata dichiarata infondata dai giudici. L'esercente accettava scommesse senza la licenza di polizia e, si legge nella sentenza, «l'attività di intermediazione nella raccolta di scommesse riservate al concessionario dello Stato rientra nella fattispecie tipica dell'esercizio abusivo di gioco». Un'interpretazione «conforme alla giurisprudenza consolidata» della Cassazione, che su questo punto ha più volta ribadito «che lo svolgimento in forma organizzata dell'attività di accettazione o raccolta o di intermediazione, anche per via telefonica i scommesse, da parte di persona che non abbia richiesto l'autorizzazione di polizia prevista» costituisce reato indipendentemente dalla illegittimità del mancato rilascio della licenza. LL/Agipro

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

Sogei

Sogei, collaborazione sinergica con Assinter Italia

20/03/2019 | 15:08 ROMA - Si è tenuta ieri mattina a Roma, nelle sede della Regione Liguria, l'Assemblea dei soci Assinter Italia. La seduta - si legge in una nota - è stata una significativa occasione di incontro tra i rappresentanti...

x

AGIPRONEWS APP
Gratis - su Google Play
Scarica

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password