Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 16/07/2019 alle ore 20:49

Attualità e Politica

17/01/2019 | 10:40

Scommesse, Cassazione conferma condanna per intermediazione: "Non è un reato lieve"

facebook twitter google pinterest
scommesse cassazione intermediazione

ROMA - La Corte di Cassazione ha confermato la condanna per intermediazione nei confronti di due gestori di un centro scommesse in provincia di Palermo, che raccoglievano gioco per conto di un bookmaker senza concessione. La Quarta sezione penale ha ritenuto inammissibili i ricorsi dei due imputati, ribadendo la decisione della Corte di Appello di Palermo. In particolare, spiegano i giudici, uno dei due esercenti era già stato precedentemente condannato per reati di truffa e ricettazione legati al mondo delle scommesse: l'altra titolare, peraltro priva di licenza di polizia, aveva intestato a suo nome l'attività, fornendo «una schermatura formale» al suo socio. Per questo, si legge nella sentenza, la colpa «non può essere considerata lieve o particolarmente tenue» e quindi poco importante tale da meritare il beneficio della non punibilità». LL/Agipro

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

x

AGIPRONEWS APP
Gratis - su Google Play
Scarica

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password