Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 12/04/2021 alle ore 14:30

Attualità e Politica

25/02/2021 | 14:51

Scommesse, Cassazione: «Senza licenza di polizia vietato raccogliere gioco»

facebook twitter pinterest
scommesse cassazione licenza

ROMA - La licenza di pubblica sicurezza è necessaria per svolgere l’attività di raccolta scommesse. Lo ha ribadito la Terza sezione penale della Corte di Cassazione che ha dichiarato inammissibile il ricorso presentato dai titolari di un centro scommesse in provincia Milano, collegato a un bookmaker senza concessione, condannati dal Tribunale di Monza e dalla Corte di Appello alla pena di giustizia per raccolta abusiva di gioco. Il mercato italiano delle scommesse, ha ricordato il Collegio, prevede un sistema a doppio binario che richiede sia la concessione statale per i bookmaker, sia la licenza di polizia per i gestori di punti vendita sul territorio. Un sistema la cui legittimità è stata confermata dalla Corte di Giustizia Europea. Raccogliere gioco senza i titoli previsti è quindi un reato, così come lo è l'intermediazione, che faceva parte dell'attività dei due gestori. «Del tutto inconferente è il richiamo» alla legge di stabilità del 2015, che regolamentava la situazione dei gestori che non chiedono l'autorizzazione di polizia per regolarizzare la loro attività. L'"autodenuncia" prevista al comma 644 «non riconosce alcuna liceità allo svolgimento con la modalità di raccolta delle scommesse da parte dell'intermediario, effettuata tramite "conti gioco" on line anziché mediante la raccolta da banco, limitandosi a prevedere a loro carico ulteriori obblighi e divieti». In ogni caso, concludono i giudici, «la procedura di regolarizzazione integra una condotta successiva alla consumazione del reato, la quale, evidentemente, non assume alcuna rilevanza in relazione alla valutazione dell'offesa come di "particolare tenuità"». LL/Agipro

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

x

AGIPRONEWS APP
Gratis - su Google Play
Scarica

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password