Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 23/06/2018 alle ore 21:04

Attualità e Politica

27/03/2018 | 09:13

Stop a sale scommesse e slot vicino alle scuole, Grosseto approva nuovo regolamento

facebook twitter google pinterest
scommesse slot Grosseto regolamento

ROMA - Divieto di aprire centri di scommesse e spazi per il gioco con vincita in denaro, nonché la nuova installazione di apparecchi per il gioco lecito a una distanza inferiore a 500 metri, misurata in base al percorso pedonale più breve, rispetto ai luoghi sensibili come scuole, chiese e ospedali: è una delle norme stabilite dal nuovo "Regolamento per l'esercizio del gioco lecito" approvato ieri dal Consiglio comunale di Grosseto. «Questo è un tema molto delicato che come amministrazione pubblica non vogliamo e non possiamo trascurare, cercando, con gli strumenti a nostra disposizione e per le nostre competenze, di dare un contributo importante per arginare i rischi del gioco patologico. Il messaggio che vogliamo far passare è quello della massima attenzione al rispetto delle regole per limitare il propagarsi di questo fenomeno» ed è «uno dei modi da parte del Comune di combattere il fenomeno del gioco illecito a tutela dei cittadini e del tessuto economico e sociale», spiega il sindaco Antonfrancesco Vivarelli Colonna. Il regolamento chiarisce i procedimenti amministrativi necessari per l’apertura, il trasferimento di sede, le variazioni e la cessazione delle attività imprenditoriali connesse al gioco, così come i requisiti strutturali e igienico-sanitari dei locali, l'identificazione di ulteriori luoghi sensibili oltre quelli già individuati dalla Regione, i divieti e le prescrizioni per l'esercizio delle attività di gioco e la scelta di un logo comunale che individui gli esercizi che non ospitano apparecchi per il gioco, la vigilanza e le sanzioni.La nuova disciplina, chiarisce l'assessore al Commercio, Riccardo Ginanneschi, «non interessa l'esistente e non contrasta con chi è già legittimato a svolgere questa attività. E pur nel rispetto delle libera iniziativa economica, era importante fare chiarezza e mettere nero su bianco l'iter burocratico e una serie di vincoli rispetto alle aperture di nuovi spazi dedicati al gioco, oltre che disciplinare eventuali modifiche alle attività già esistenti». Il regolamento vieta anche l’installazione di sportelli bancari, postali e bancomat all’interno dei locali di esercizio del gioco. Inoltre, per esigenze di decoro urbano e tutela del patrimonio storico-monumentale, nel centro storico del capoluogo e delle frazioni non è consentito l’insediamento di nuovi spazi per il gioco con vincita in denaro e di nuovi centri di scommesse. Infine l'installazione di apparecchi per il gioco non è consentita nei locali di proprietà del Comune e delle società partecipate, negli esercizi situati su area pubblica rilasciata in concessione temporanea, compresi i dehor/gazebo seppur debitamente autorizzati.
RED/Agipro

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

x

AGIPRONEWS APP
Gratis - su Google Play
Scarica

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password