Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 24/10/2020 alle ore 21:38

Attualità e Politica

24/08/2020 | 16:30

Scommesse, Tar Campania: "No alla licenza per i gestori collegati a bookmaker senza concessione"

facebook twitter google pinterest
scommesse tar campania

ROMA - Le Questure non possono concedere la licenza alle sale scommesse collegate a bookmaker senza concessione. È quanto scrive il Tar Campania nelle tre sentenze che respingono i ricorsi di altrettanti gestori di sale in a Napoli, Casoria e Caivano, collegate bookmaker esteri privi di concessione. Il Questore aveva negato in tutti e tre i casi la licenza per l'attività. L’autorizzazione, si legge, può essere legittimamente rifiutata a società che all'estero sono invece autorizzate a raccogliere giocate. I giudici ricordano che l’ordinamento italiano in materia di scommesse prevede una duplice autorizzazione ed è costruito su un sistema “a doppio binario”, in base al quale «chi intenda svolgere l'attività è tenuto a munirsi sia della concessione da parte del Ministero dell'economia e delle finanze, che dell'autorizzazione di pubblica sicurezza». Disposizioni che, concludono i giudici, in numerosi precedenti «hanno positivamente superato il vaglio della giurisprudenza comunitaria e nazionale». In questi casi, quindi, il Questore non può quindi concedere la licenza, «non essendo ammessa alcuna discrezionalità dell'Amministrazione, che in assenza della concessione, è tenuta ad emettere un provvedimento di rigetto per insussistenza di uno dei presupposti di legge».  LL/Agipro

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

x

AGIPRONEWS APP
Gratis - su Google Play
Scarica

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password