Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 14/11/2018 alle ore 21:16

Attualità e Politica

04/12/2017 | 09:05

Decreto Mef ai box, “Il Messaggero”: con taglio punti gioco e slot 2 miliardi in fumo, Baretta incontra Ragioneria e regioni

facebook twitter google pinterest
slot azzardo regioni giochi

ROMA - I dubbi della Ragioneria Generale dello Stato sarebbero alla base del ritardo del decreto del ministero dell’Economia – previsto entro il 31 ottobre ma ancora ai box per gli ultimi ritocchi - che dovrebbe sancire l’accordo Stato-Regioni del 7 settembre. Secondo quanto riporta l’edizione di ieri de “Il Messaggero”, i tecnici avrebbero fatto i conti della riduzione delle sale (meno 50 per cento secondo il testo approvato dalla Conferenza Unificata) e del taglio del 35% delle slot machine: il gettito in fumo sarebbe tra 1,5 e 2 miliardi all’anno. Un conto evidentemente troppo salato, anche tenendo conto del fatto che le regioni – a partire dal Piemonte – non sembrano avere alcuna voglia di fare un passo indietro nel contrasto all’offerta legale di gaming. Il Sottosegretario all’Economia, Pierpaolo Baretta, tenterà questa settimana di vederci chiaro: oggi incontrando – sempre secondo quanto riporta “Il Messaggero” – la Ragioneria dello Stato per capire la reale dimensione del problema fiscale e giovedì tornando in Conferenza Unificata per convincere le riottose regioni a mantenere la quota di gioco prevista dall’accordo siglato non più di tre mesi fa. RED/Agipro

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

x

AGIPRONEWS APP
Gratis - su Google Play
Scarica

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password