Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 04/12/2020 alle ore 12:41

Attualità e Politica

30/10/2020 | 12:50

Slot, Cassazione: sì alle sanzioni Adm se l'esercente non blocca gli apparecchi non a norma

facebook twitter google pinterest
slot cassazione

ROMA - L'esercente che non attiva la procedura di blocco di slot machine non a norma può essere sanzionato dall'Agenzia Dogane e Monopoli, anche se gli apparecchi in questione non sono allacciati alla rete elettrica. Lo ha stabilito la Corte di Cassazione nella sentenza che accoglie il ricorso dell'Amministrazione; il caso è relativo a un esercente pugliese per il quale i Monopoli avevano emesso nel 2009 un'ordinanza ingiunzione, dopo la scoperta di due apparecchi non conformi alle caratteristiche previste dalla legge. Il Tribunale e la Corte d'Appello di Lecce avevano accolto il ricorso dell'esercente, decisioni oggi ribaltate dai giudici supremi che hanno rinviato la questione alla Corte d'Appello. «In materia di adempimenti connessi al funzionamento di apparecchi e congegni di intrattenimento da gioco - scrive la Seconda sezione civile - la mancata attivazione della procedura di blocco e di collocazione in magazzino delle apparecchiature non collegate alla rete telematica, giustifica la legittimità dell'ordinanza ingiunzione emessa dai Monopoli» per violazione delle disposizioni del testo unico di pubblica sicurezza. Dal verbale di accertamento era emerso che le schede di gioco «consentivano l'uso "contra legem" degli stessi apparecchi» e che «potevano essere inserite in qualsiasi momento dal gestore». Una circostanza che configura una «detenzione rilevante»; le disposizioni in materia prevedono infatti la sanzione per «coloro che "consentono l'uso" delle macchine non rispondenti alle prescrizioni di legge». Irrilevante, per i giudici, il fatto che le slot in questione non fossero collegate alla rete elettrica e che non fosse stato trovato denaro al loro interno: «Solo la neutralizzazione dell'uso
potenziale degli apparecchi può comportare l'esclusione della responsabilità per i gestori, gli esercenti ed anche il concessionario del servizio telematico», conclude il Collegio. LL/Agipro

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

x

AGIPRONEWS APP
Gratis - su Google Play
Scarica

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password