Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 22/02/2019 alle ore 19:01

Attualità e Politica

24/01/2019 | 15:48

Pene contro gioco illegale, Garrisi (Ceo Stanleybet): “Inasprimento condivisibile, giudici terranno conto delle discriminazioni subìte”

facebook twitter google pinterest
stanley garrisi monopoli

ROMA - Nel pacchetto giochi all’esame del Governo potrebbe essere inserito anche un inasprimento delle pene per chi gestisce giochi e scommesse illegali. Ne parliamo con Giovanni Garrisi, Ceo di Stanleybet.

È una misura che condivide? O il mercato ha bisogno di un riordino complessivo (Stanley compresa), in prima battuta?

«Gli operatori illeciti sono stati finalmente contrastati con successo dalle brave Procure italiane, prima fra tutte quella di Reggio Calabria. Bisogna evitare che in futuro ci siano operatori che, sulla base delle reali discriminazioni subite da Stanley, riescono a suggestionare i Tribunali italiani in relazione a inesistenti discriminazioni subite. Adesso, ristabilito l’ordine sul territorio, è importante che le forze dell’ordine non abbassino la guardia e che le Procure, che hanno acquisito conoscenze e competenze nel corso delle recenti operazioni, proseguano la loro azione. Inasprimento delle pene? Sì, sono d’accordo. Tenendo bene in mente, però, che se una legge viene sistematicamente disapplicata dalle Corti Italiane per contrarietà al diritto dell’Unione, come è il caso della legge 401 quando viene contestata ai centri Stanley, quella legge continuerà ad essere disapplicata anche se prevede pene maggiori. Piuttosto che un riordino, penserei ad una presa d’atto che l’esperienza del sistema concessorio, inspiegabilmente prorogato da quasi 3 anni, possa considerarsi conclusa e sia più opportuno passare ad un sistema autorizzatorio».

NT/Agipro

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

x

AGIPRONEWS APP
Gratis - su Google Play
Scarica

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password