Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 15/10/2018 alle ore 22:15

Attualità e Politica

04/05/2018 | 08:10

Nuovo Statuto Agenzia delle Dogane: “ADM presidio statale nel settore giochi, incarico di Direttore Generale durerà tre anni”

facebook twitter google pinterest
statuto Dogane giochi

ROMA - Il nuovo statuto e il nuovo regolamento per l’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli – approvati dal ministro dell’Economia e delle Finanze lo scorso 26 aprile - forniranno «l’occasione di dare sostanza alla trasformazione di questa Amministrazione per renderla più moderna, efficiente e sostenibile». Adm – è scritto nello Statuto - svolgerà il compito di “regolazione e controllo del comparto del gioco in Italia”, verificando costantemente gli adempimenti cui sono tenuti i concessionari e gli operatori del settore ed esercitando una azione di contrasto al gioco illegale. L’Agenzia esercita il ruolo di presidio dello Stato nei settori dei giochi e dei tabacchi, garantendo gli interessi dell’Erario attraverso la riscossione dei tributi, tutelando il cittadino attraverso il contrasto agli illeciti e gestendo il mercato attraverso concessioni e atti regolamentari. Secondo il documento approvato da Padoan, l’incarico del Direttore Generale avrà una “durata massima” di tre anni. “L’incarico è incompatibile con altri rapporti di lavoro subordinato pubblico o privato o di lavoro autonomo, nonché con qualsiasi altra attività professionale privata, anche occasionale, che possa entrare in conflitto con gli scopi e i compiti dell’Agenzia”, si legge ancora.  Il via libera definitivo è arrivato «dopo due passaggi in Comitato di Gestione e un processo di ascolto e condivisione durato sei mesi», si legge nella nota inviata nei giorni scorsi alla struttura da Kessler.

«Lo Statuto è in vigore da subito - sottolinea il DG - è qui che è indicata la missione dell’Agenzia, la cornice indispensabile per dare un senso ideale all’unificazione tra Dogane e Monopoli. La riepilogo in quattro funzioni cardine: supporto alla crescita, difesa degli interessi finanziari dell’Italia e dell’Unione Europea, presidio di legalità, tutela della sicurezza e della salute dei cittadini. È la nostra identità, la bussola per lavorare in una dimensione unitaria, con orgoglio e spirito di appartenenza». L’altro tassello della riorganizzazione è «il nuovo Regolamento di Amministrazione», che «realizza l’unione delle due strutture di Dogane e Monopoli, a livello centrale e territoriale. Ne conseguono eliminazione di duplicazioni e sprechi, sinergie, qualificazione e flessibilità nell’impiego del personale, maggiore efficienza. Inoltre, vengono ridotte le posizioni dirigenziali di prima e seconda fascia per creare un consistente numero di nuove posizioni organizzative, che saranno impiegate soprattutto negli uffici locali. Avremo così una Agenzia più equilibrata sia nelle sue strutture dirigenziali, sia nella sua configurazione territoriale». Nelle prossime settimane, precisa il Direttore di Adm, «saranno adottati gli atti organizzativi che disegneranno la nuova articolazione delle direzioni centrali e degli uffici locali. L’impegno poi è di completare l’esecuzione della riorganizzazione per l’inizio del nuovo anno».

PG/Agipro

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

x

AGIPRONEWS APP
Gratis - su Google Play
Scarica

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password