Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 26/05/2018 alle ore 09:14

Attualità e Politica

13/12/2017 | 17:52

Tar Bolzano dice no a chiusura anticipata di una sala giochi: «Riduzione non motivata»

facebook twitter google pinterest
tar bolzano giochi marlengo

ROMA - Per ridurre l’orario di attività di una sala giochi occorre spiegarne adeguatamente i motivi. Così il Tar Bolzano nella sentenza che ha accolto il ricorso presentato dalla società P.T Srls, titolare di una sala a Marlengo. Al locale, aperto nel 2015, la Provincia aveva imposto una restrizione all’attività (dalle 7 alle 22 invece che dalle 7 alle 1) per evitare «il turbamento della quiete». La riduzione dell’orario è rimasta in vigore anche dopo il cambio di gestione della sala, ma non è stata sufficientemente motivata. Le argomentazioni presentate in giudizio dalla Provincia hanno dedotto «un collegamento sia soggettivo, sia oggettivo tra la vecchia e la nuova gestione», ma per i giudici la tesi risulta insostenibile: sia perché la motivazione «deve sempre precedere e non seguire l'atto amministrativo», sia perché «gli inconvenienti alla quiete pubblica non sono palesemente attribuibili con certezza alla nuova gestione» della sala. La riduzione dell’orario di attività è stata dunque annullata. LL/Agipro

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

Giochi la settimana in un clic 25 maggio 2018

Giochi, la settimana in un clic

25/05/2018 | 16:40 LUNEDI' 21 MAGGIO Aziende -  L’Agenzia Dogane e Monopoli ha dato il consenso formale all’operazione che porterà Playtech all’acquisizione del 70,561% del capitale Snaitech. È quanto si legge...

x

AGIPRONEWS APP
Gratis - su Google Play
Scarica

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password