Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 23/07/2018 alle ore 11:00

Attualità e Politica

27/11/2017 | 11:26

Giochi, Tar Bolzano dà ragione a sala vlt: sbagliato autorizzare l’attività solo per due anni

facebook twitter google pinterest
tar bolzano sala vlt giochi distanze

ROMA - È stato accolto dal Tar Bolzano il ricorso presentato dalla società Allstar contro il provvedimento della Provincia altoatesina che aveva limitato a soli due anni l’autorizzazione per una sala vlt del capoluogo. L’autorizzazione “ristretta” (due anni invece di cinque) era stata motivata con l’eccessiva vicinanza della sala al nuovo elenco di luoghi sensibili introdotto da una modifica alla legge provinciale contro la ludopatia. Nel comma 1bis introdotto a giugno 2016 erano state inserite «tutte le strutture sanitarie e socio-assistenziali pubbliche e private che svolgono attività di accoglienza, assistenza e consulenza» da cui le sale giochi devono essere distanti almeno 300 metri. Per tutti i locali chiamati ad adeguarsi, sono stati previsti due anni di tempo. In questo caso, però non c’è stata violazione del “distanziometro”: la richiesta per l’autorizzazione è arrivata prima dell’entrata in vigore delle modifiche e, si legge nella sentenza, «come dato atto dalla direttrice dell’Ufficio attività economiche e concessioni del Comune di Bolzano con nota indirizzata alla Provincia, l’individuazione dei nuovi siti sensibili previsti dalla legge provinciale non ha comportato la violazione del previsto raggio di 300 metri». La prescrizione del termine di decadenza di due anni è stata dunque annullata dal Tar. LL/Agipro

 

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

x

AGIPRONEWS APP
Gratis - su Google Play
Scarica

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password