Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 18/02/2020 alle ore 20:42

Attualità e Politica

30/01/2020 | 15:38

Giochi e distanziometro, Tar Emilia: sì a proroga della chiusura, ma solo a chi chiede in tempo la delocalizzazione

facebook twitter google pinterest
tar emilia sale gioco proroga delocalizzazione

ROMA - Le sale da gioco soggette al distanziometro possono ottenere una proroga alla chiusura solo se comunicano ufficialmente la volontà di delocalizzare l'attività. A sottolinearlo è il Tar Emilia Romagna sul ricorso presentato dalla società titolare di una sala a Riccione. Sulla base della legge regionale, che impone almeno 500 metri tra le attività di gioco e i luoghi sensibili, il Comune aveva disposto a marzo 2019 la chiusura entro sei mesi dei locali gestiti dall'azienda ricorrente. Successivamente la società aveva presentato due istanze per comunicare la volontà di delocalizzare la sala in uno spazio consentito; la prima, tuttavia, non è stata accettata, mentre la seconda è stata formalizzata solo dopo la scadenza dei sei mesi previsti dal provvedimento di chiusura. L'ulteriore proroga di 6 mesi prevista dalla legge, chiarisce il Tar, «si applica nel caso in cui debba essere attuata la delocalizzazione per la quale, nei precedenti 6 mesi, sia stata già presentata istanza», ma non può essere concessa «quando l'istanza di delocalizzazione venga proposta dopo la scadenza dei primi sei mesi», come è avvenuto in questo caso. LL/Agipro

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

x

AGIPRONEWS APP
Gratis - su Google Play
Scarica

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password