Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 18/12/2018 alle ore 13:06

Attualità e Politica

25/10/2018 | 16:19

Giochi, Tar Puglia: "Il subentro è come una nuova apertura, legittimo il ricorso al distanziometro"

facebook twitter google pinterest
tar puglia distanze minime giochi azzardo scommesse

ROMA -  No alle sale giochi troppo vicine ai luoghi sensibili. Lo ha ribadito il Tar Puglia nell’ordinanza con cui ha respinto il ricorso dei titolari di una sala di Gioia del Colle, in provincia di Bari, a cui il Comune ha imposto la chiusura per il mancato rispetto del “distanziometro” previsto dal regolamento comunale (almeno 500 metri di distanza da luoghi come scuole e chiese), a sua volta basato sulla legge regionale antiludopatia. La società ricorrente è subentrata nella gestione della sala dopo l'entrata in vigore della normativa regionale; l'attività, dunque «ricade nello spazio di applicazione della legge, con conseguente operatività, nei riguardi della ricorrente, delle distanze dai siti sensibili». Anche la mancata individuazione dei luoghi sensibili da parte del Comune «non ha ricadute in termini di illegittimità» del provvedimento di chiusura, «in quanto il Comune può eventualmente ampliare, alla stregua del Regolamento di settore, il catalogo dei luoghi da sottoporre a particolare tutela». Il Collegio ribadisce infine che la Regione «ha esercitato correttamente la propria potestà legislativa in una materia come quella del contrasto alla ludopatia».  LL/Agipro

 

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

x

AGIPRONEWS APP
Gratis - su Google Play
Scarica

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password