Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 14/12/2018 alle ore 11:22

Attualità e Politica

17/09/2018 | 13:34

Scommesse, Tar Veneto: “Dubbi sulla gestione delle sale legittimano il diniego della licenza”

facebook twitter google pinterest
tar veneto scommesse licenza

ROMA - I dubbi sulla effettiva gestione e uso della licenza di sicurezza legittimano il no della Questura alla richiesta di apertura di nuove sale scommesse. È quanto ha stabilito il Tar Veneto nella sentenza che respinge il ricorso di una società che aveva chiesto l’autorizzazione per un sala a Belluno. La Questura, si legge nella sentenza, ha adeguatamente motivato il no alla licenza, qualificando il ricorrente «come “prestanome”» di altri soggetti, che pure in passato avevano chiesto l’autorizzazione senza riuscire a ottenerla. «L’attività di raccolta scommesse, ben potendo essere oggetto di infiltrazioni criminali, giustifica il comportamento dell’Amministrazione dell’Interno», si legge ancora. La Questura, «a maggior tutela della sicurezza pubblica ed a maggior garanzia della prevenzione dei reati, vigila scrupolosamente sui requisiti morali di coloro che richiedono le autorizzazioni, dando rilevanza a qualunque segnale, fondato su situazioni di fatto (come appunto avvenuto nel caso di specie), che possa indurre ad operare un giudizio negativo in merito al futuro comportamento del soggetto». LL/Agipro

 

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

x

AGIPRONEWS APP
Gratis - su Google Play
Scarica

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password