Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 03/12/2022 alle ore 09:45

Attualità e Politica

26/09/2022 | 12:27

Elezioni politiche: D'Attis, De Bertoldi e Molinari riconfermati in Parlamento, avanti anche Durigon e Battistoni

facebook twitter pinterest
Elezioni politiche DAttis De Bertoldi Molinari Durigon Battistoni

ROMA - Oltre all'elezione di Federico Freni alla Camera, sono stati riconfermati in Parlamento alcuni deputati e senatori che nella passata legislatura si sono occupati del settore giochi: il successo di Fratelli d'Italia alle elezioni politiche lancia Andrea De Bertoldi, che supera il 40% e vince il collegio della Camera di Trento. Resta in parlamento anche il pugliese Mauro D’Attis (Forza Italia), eletto in quanto capolista del proporzionale, mentre in Piemonte il leghista Riccardo Molinari si conferma parlamentare conquistando il collegio uninominale della Camera. 
Ancora in corso lo spoglio nel collegio di Viterbo, ma l'ex sottosegretario all'Economia Claudio Durigon è avanti. come pure il sottosegretario alle Politiche Agricole, Francesco Battistoni (Forza Italia), in vantaggio nel collegio uninominale delle Marche. Maria Teresa Bellucci (Fratelli d'Italia) perde d'un soffio la sfida alla Camera con Roberto Morassut, candidato dal Pd nel Lazio. Non ce la fa neanche Benedetta Fiorini (Lega), sconfitta da Angelo Bonelli nel collegio di Imola.
Non è stato rieletto neanche il senatore di Forza Italia Massimo Mallegni, mentre il collega di partito Dario Damiani riesce a strappare un seggio nel collegio plurinominale della Puglia. Infine in Sicilia, nel collegio di Marsala (Trapani), Vita Martinciglio del Movimento 5 Stelle è in netto svantaggio rispetto alla compagna di Silvio Berlusconi, Marta Fascina, vicinissima ad essere rieletta deputata. Alcuni parlamentari che nella scorsa legislatura si sono occupati del settore giochi non si sono ricandidati, come il senatore M5s Giovanni Endrizzi o il senatore di Italia Viva, Mauro Marino, che aveva appena concluso i lavori della Commissione d'inchiesta sul gioco di Palazzo Madama. Altri deputati M5s - come Luigi Di Maio, il "padre" del Decreto Dignità, che nel frattempo ha fondato Impegno Civico o come Massimo Enrico Baroni, che era passato a L'Alternativa c'è - non torneranno in Parlamento.
MSC/Agipro

Foto credits: Quirinale.it

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

x

AGIPRONEWS APP
Gratis - su Google Play
Scarica

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password