Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 16/05/2022 alle ore 16:55

Attualità e Politica

20/12/2021 | 15:04

Slot, Cassazione: mancato versamento della quota "500 milioni", gestore condannato per peculato

facebook twitter pinterest
Slot Cassazione: mancato versamento della quota 500 milioni gestore condannato per peculato

ROMA - Il gestore di slot machine che si impossessa dei proventi degli apparecchi di gioco commette il reato di peculato. La Corte di Cassazione ribadisce il principio nella sentenza che conferma la condanna per il titolare di una ditta di noleggio di apparecchi, che aveva omesso di versare al concessionario più di 281mila euro per l'anno 2014, cifra dovuta come parte della tassa da 500 milioni. Il Tribunale di Novara, che aveva condannato il gestore, ha richiamato l'interpretazione delle Sezioni Unite della Corte, che appunto ha valutato come peculato la condotta del gestore o esercente che non versa i proventi di gioco al concessionario, «senza distinzioni tra quote tributarie e suo profitto». In questo caso particolare non risulta rilevante nemmeno il fatto che la tassa da 500 milioni sia stata abolita nel 2016, come stabilito dalla legge di stabilità di quell'anno. «Si tratta - scrive la Corte -  di una nuova formulazione della legge extrapenale, che interviene solo a modulare un obbligo immanente» e non può essere applicato il principio «che impone l'applicazione della legge penale successiva più favorevole». L'abolizione della tassa, invece, «non è norma integratrice della fattispecie penale, in quanto lascia del tutto immutati gli elementi strutturali costitutivi della fattispecie di peculato».
LL/Agipro

Foto credits Blackcat CC BY-SA 3.0 IT

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

x

AGIPRONEWS APP
Gratis - su Google Play
Scarica

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password