Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 27/02/2024 alle ore 18:30

Attualità e Politica

31/07/2023 | 10:52

Delega fiscale, Senato: controlli sui giochi e finanziamento alla sanità, approvati due ordini del giorno in Commissione Finanze

facebook twitter pinterest
Delega fiscale Senato controlli giochi sanità Commissione Finanze

ROMA - Via libera della Commissione Finanze del Senato a due ordini del giorno depositati dalla maggioranza alla delega fiscale. Approvato l'ordine del giorno del presidente della Commissione, il leghista Massimo Garavaglia, che "impegna il Governo a prevedere che la definizione di piani annuali di controlli volti al contrasto della pratica del gioco, in qualunque sua forma, svolto con modalità non conformi all'assetto regolatorio statale per la pratica del gioco lecito anche con riferimento alle forme di gioco attuato mediante utilizzo di criptovalute ovvero altre forme di pagamento non contemplate nei circuiti di controllo esistenti, avvenga con un decreto del Ministro dell'economia e delle finanze, su proposta dell'Agenzia delle dogane e dei monopoli d'intesa con il Dipartimento della Pubblica Sicurezza e i Comandi Generali dell'Arma dei Carabinieri e del Corpo della Guardia di Finanza".
Via libera anche alla riformulazione dell'ordine del giorno del senatore Francesco Zaffini (Fratelli d'Italia) che impegna il governo "a prevedere, in sede di attuazione delle deleghe di cui all'articolo 13, un incremento delle risorse destinate al finanziamento del SSN mediante un adeguato riordino della disciplina delle entrate complessive dall'attività di raccolta del gioco che, in particolare, consegua un aumento dei canoni di concessione, specie dei giochi on line, in funzione dei volumi di raccolta delle giocate e delle scommesse e un adeguato contrasto alle forme di gioco attuato mediante utilizzo di criptovalute ovvero altre forme di pagamento non contemplate nei circuiti di controllo esistenti".
Fumata nera invece per l'ordine del giorno della senatrice leghista Elena Murelli che chiedeva al governo l'impegno "a riordinare, secondo criteri di maggiore semplicità e trasparenza senza nuovi o maggiori oneri di finanza pubblica, la disciplina riguardante le procedure per l'importazione, la commercializzazione e l'installazione degli apparecchi di puro intrattenimento senza vincita in denaro, introducendo procedure basate su autocertificazione tecnica, attestante la conformità e il rispetto dei requisiti tecnici previsti". 
MSC/Agipro

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

x

AGIPRONEWS APP
Gratis - su Google Play
Scarica

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password