Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 23/04/2024 alle ore 21:24

Attualità e Politica

15/03/2024 | 15:03

Giochi, Corallo (azionista Global Starnet) chiede il dissequestro della società: “Nessun’altra imputazione a mio carico, niente evasione fiscale nel caso della Corte dei Conti”

facebook twitter pinterest
Giochi Corallo (azionista Global Starnet) chiede il dissequestro della società: “Nessun’altra imputazione a mio carico niente evasione fiscale nel caso della Corte dei Conti”

ROMA - Francesco Corallo, azionista di Global Starnet, ha richiesto al Tribunale di Roma il dissequestro della società. La decisione segue di pochi giorni la notizia della sentenza di proscioglimento per intervenuta prescrizione dalla vicenda “Rouge et Noir”, per il quale lo stesso Corallo ha già proposto ricorso con l'obiettivo di ottenere l'assoluzione con formula piena. In una nota stampa, Corallo afferma che “non esiste più nei miei confronti alcuna imputazione penale per alcun capo di reato”. Malgrado ciò, continuano a circolare “illazioni sul fatto che la Corte dei Conti avrebbe affermato che la mia società avrebbe operato una maxi evasione fiscale sottraendo al fisco ed all’erario un importo di 335 milioni di euro”.  In realtà, come è noto anche all’Agenzia delle Dogane e Monopoli, “si è trattato di una condanna per danno erariale da disservizio, che ha coinvolto tutti i 10 concessionari di gioco dell’epoca, i quali hanno tutti definito transattivamente la propria posizione (ultimo in ordine di tempo HBG Connex)”. Corallo sottolinea che “nonostante ciò, continuano a girare voci infondate ed interrogazioni parlamentari secondo le quali sarebbe in corso una "trattativa", condotta non da me ma da chi attualmente gestisce la società Global, come se tale "trattativa" debba ritenersi frutto di non meglio precisati "favoritismi", quando invece Global Starnet è l’unica società rimasta fuori dagli accordi stipulati da tutti gli altri concessionari”. L’imprenditore ribadisce che la società “non ha trattenuto un solo euro ed anzi, come ben sa chi ha letto la sentenza della Corte dei Conti, la condanna è stata fortemente ridotta in considerazione del fatto che la parte del servizio inerente la raccolta del Preu ed il suo riversamento, è stata efficacemente e correttamente svolta”.

NT/Agipro

Foto credits wp paarz/Flickr CC BY-SA 2.0

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

x

AGIPRONEWS APP
Gratis - su Google Play
Scarica

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password