Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 26/02/2024 alle ore 20:32

Attualità e Politica

03/01/2024 | 13:15

Giochi, Mef: “Adm contribuirà a riforma del settore per contrastare illegalità, frodi e GAP”

facebook twitter pinterest
Giochi Mef Adm contribuirà riforma settore contrastare illegalità frodi GAP

ROMA – L’Agenzia delle dogane e dei monopoli, grazie alla sua azione di presidio nel settore dei giochi e dei tabacchi, si impegna a “promuovere attività di studio e analisi per la formulazione di proposte normative e contribuire alla realizzazione di una riforma complessiva del gioco pubblico in modo da assicurare, a invarianza di gettito erariale, l'eliminazione dei rischi connessi al disturbo da gioco d'azzardo e il contrasto al gioco illegale e alle frodi a danno dell'erario”. È quanto si legge nell’ Atto di indirizzo per il conseguimento degli obiettivi di politica fiscale per gli anni 2023-2025 pubblicato dal Ministero dell’economia e delle finanze.

Nel documento vengono indicate alcune delle misure con le quali l’Agenzia dovrà contribuire al raggiungimento degli obiettivi, ad esempio fornendo l’adeguato supporto tecnico attraverso la conoscenza delle abitudini di gioco della popolazione, o, in ottica di contrasto al gioco illegale, tramite la conclusione delle “procedure ad evidenza pubblica per l'assegnazione delle nuove concessioni per la raccolta dei giochi che possano tenere conto di una distribuzione territoriale omogenea dei locali in cui avviene la raccolta legale”. Altro tema fondamentale è l’attività di controllo sul divieto di gioco ai minori, sia negli esercizi fisici e sia nel gioco da remoto. Un obiettivo da conseguire anche attraverso la collaborazione con le Forze dell’ordine e le amministrazioni competenti.

Infatti, nel documento viene dedicato un capitolo anche al ruolo della Guardia di Finanza, per la quale viene espressamente previsto il rafforzamento delle sinergie con l’Adm a contrasto delle frodi in ambito doganale ma anche nei settori delle accise e del gioco pubblico. Nello specifico, in materia di giochi, “oltre alla verifica del corretto adempimento delle prescrizioni di carattere fiscale – si legge ancora nell’Atto pubblicato dal Mef - garantirà un costante presidio anche ai fini antiriciclaggio, al fine di scongiurare il reimpiego di proventi illeciti nel settore nonché il contrasto, anche in tale ambito, di ogni forma di infiltrazione della criminalità economica ed organizzata”.

AB/Agipro

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

x

AGIPRONEWS APP
Gratis - su Google Play
Scarica

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password