Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 07/12/2022 alle ore 20:40

Attualità e Politica

11/10/2022 | 12:29

Giochi, Minenna (Dg Adm): "Senza proroghe il settore avrebbe chiuso, gioco illegale tra 10 e 15 miliardi"

facebook twitter pinterest
Giochi Minenna Dg Adm proroghe il settore gioco illegale

ROMA - «Se a giugno 2022 l’Agenzia non avesse fatto le proroghe, il gioco pubblico come lo conosciamo avrebbe chiuso e quell’attività sarebbe stata consegnata alla criminalità organizzata». Lo ha detto il direttore generale dell'Agenzia delle Dogane e dei Monopoli, Marcello Minenna, nel corso della presentazione della relazione della Commissione di inchiesta sul gioco illegale e sulle disfunzioni del gioco pubblico in Senato.
«Se vogliamo affrontare il problema della ludopatia o dell’indebolimento finanziario, gli strumenti ci sono. Se invece vogliamo mantenere questo atteggiamento 'bacchettone' si creerà solo confusione» che porterà a «un’irregolarità che cuba tra i 10 e 15 miliardi di euro, superiori alla raccolta legale dello Stato», sottolinea. «Su questo tema, bisogna fare squadra per scrivere un testo unico in maniera 'laica'» e bisogna lavorare a «una regolamentazione moderna, ipotizzare un sistema che rilevi il giocatore con alcune caratteristiche biometriche per fare eventuali verifiche», continua. «La gara dell’online - che non si può attuare - muove esattamente nella logica opposta della rete internet perché l’agenzia, che ha controlli molto puntuali, ad esempio non ha il blocco dei residenti all’estero, solo per citarne una», ricorda. «Non è complesso mettere mano a questo settore: si tratta solo di voler affrontare le modifiche in maniera lineare, al passo con i tempi».

RED/Agipro

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

x

AGIPRONEWS APP
Gratis - su Google Play
Scarica

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password