Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 09/12/2022 alle ore 16:10

Attualità e Politica

10/10/2022 | 11:53

Giochi, Tar Trento: primo no ai ricorsi contro il distanziometro provinciale, prossima udienza il 10 novembre

facebook twitter pinterest
Giochi Tar Trento: primo no ai ricorsi contro il distanziometro provinciale prossima udienza il 10 novembre

ROMA - Il Tar di Trento dice no ai primi ricorsi degli operatori di gioco contro la legge provinciale anti-ludopatia diventata operativa lo scorso agosto, che prevede almeno 300 metri tra le attività di settore e luoghi sensibili come scuole e chiese. Nel decreto monocratico pubblicato oggi, il giudice Fulvio Rocco respinge l'istanza cautelare presentata dalla società titolare di una sala giochi del capoluogo. «Deve essere accordata nella presente fase processuale preminente tutela del bene primario della salute», si legge nel provvedimento. Al momento, le fonti della legge provinciale «non possono essere tout court disapplicate» proprio perché «prendono in considerazione principalmente le conseguenze sociali dell’offerta di una tipologia di giochi suscettivi di innescare pericolosi fenomeni compulsivi su fasce di consumatori psicologicamente più deboli, nonché dell’impatto sul territorio dell’afflusso a tali giochi da parte degli utenti». Quanto ai danni dedotti dagli operatori, la società «avrebbe comunque potuto utilmente attivarsi per trasferire il proprio esercizio nella pur ridotta area “non espulsiva” dell’attività». La prossima udienza, durante la quale il ricorso verrà esaminato in sede collegiale, è stata fissata il 10 novembre.
LL/Agipro


Foto Credits George Hodan CC0 1.0

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

x

AGIPRONEWS APP
Gratis - su Google Play
Scarica

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password