Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 24/02/2024 alle ore 09:31

Attualità e Politica

05/10/2023 | 14:11

Giochi, al Salone Antiriciclaggio di Milano in discussione il tema del de-risking bancario: “Settore giochi fondamentale per contrasto a illegalità”

facebook twitter pinterest
Giochi al Salone Antiriciclaggio di Milano in discussione il tema del de risking bancario: “Settore giochi fondamentale per contrasto a illegalità”

ROMA - Il rapporto tra operatori di gioco e banche è stato ieri al centro di una tavola rotonda al Salone Antiriciclaggio. Si è discusso dell’approvazione – avvenuta pochi minuti fa alla Camera - dell’emendamento sul de-risking ingiustificato inflitto al comparto del gioco pubblico. All’evento hanno partecipato esponenti del mondo finanziario e Geronimo Cardia, dello studio legale gclegal.it. Il legale ha ricordato come, in Parlamento, sia la Commissione banche sia la Commissione di indagine sui giochi abbiano affrontato la questione. La soluzione, ha spiegato, è stata abbozzata in una riunione con il sottosegretario Mef Sandra Savino, e ha trovato una strada nell’emendamento presentato da Damiani (FI) e approvato qualche giorno fa. Un provvedimento che peraltro deve ancora completare il proprio iter legislativo. “In sede di verifica dell’operatore per l’apertura di un rapporto bancario – ha aggiunto - si può tenere conto delle norme straordinarie di compliance cui il medesimo partecipa attivamente e che lo rendono, a tutti gli effetti, un incaricato di pubblico servizio, un soggetto attivo nell’esecuzione degli obblighi di tracciabilità dei flussi finanziari e protagonista nell’attività voluta dal legislatore di riversamento nel circuito bancario delle somme giocate in contanti su prodotti di Stato che rappresentano a tutti gli effetti delle risorse statali”. Nel compiere questo tipo di attività, in sostanza, l’operatore contribuisce a contrastare i fenomeni. Impedirgli di aprire il conto corrente (o chiuderglielo) significa impedire allo Stato di svolgere la sua attività di contrasto alla criminalità. I controlli e le verifiche vanno fatte anche sulle società di gioco, ma occorre fermare i pregiudizi nei confronti del settore. E’ l’obiettivo dell’emendamento Damiani al Dl Asset che ha appena ricevuto l’ok di Montecitorio.

NT/Agipro

Foto credits Pqsels CC0 1.0 Universal

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

x

AGIPRONEWS APP
Gratis - su Google Play
Scarica

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password