Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 26/10/2021 alle ore 09:58

Attualità e Politica

28/07/2021 | 18:26

Giochi, le linee guida 2021-2023 del Mef: qualità dell'offerta, contrasto all'illegale e protezione dei soggetti vulnerabili

facebook twitter pinterest
Giochi linee guida 2021 2023 Mef illegale

ROMA - «Elevare la qualità dell’offerta dei giochi pubblici e assicurare un ambiente di gioco sicuro, combattendo il gioco illegale, proteggendo i soggetti vulnerabili e ponendo particolare riguardo alle attività sul divieto di gioco da parte dei minori». Sono le linee guida, relative anche al settore del gioco, contenute all'interno dell'Atto di indirizzo per il conseguimento degli obiettivi di politica fiscale per gli anni 2021-2023 del Mef.
In particolare, l'Agenzia delle Dogane e dei Monopoli si impegnerà a «fornire il supporto tecnico necessario al Governo per la regolamentazione del settore dei giochi, anche attraverso la conoscenza delle abitudini di gioco della popolazione, al fine di efficientare e razionalizzare gli strumenti di contrasto al gioco patologico e aumentare il livello di sicurezza e le possibilità di controllo della rete del gioco pubblico anche online». Adm si occuperà anche di «sviluppare il sistema di monitoraggio dell’offerta di gioco legale, il Registro Unico degli operatori del gioco pubblico e l’integrazione con i sistemi delle altre Autorità coinvolte» per «verificare l'andamento dei volumi di gioco e la relativa distribuzione sul territorio nazionale, con particolare attenzione alle aree più soggette al rischio di concentrazione di giocatori affetti dal disturbo da gioco». Inoltre Adm si occuperà di «rafforzare l’attività di contrasto e repressione del gioco illegale, tramite il coinvolgimento del Comitato per la prevenzione e la repressione del gioco illegale (CoPreGi)», consolidando «la collaborazione con le istituzioni competenti in materia di antiriciclaggio e flussi finanziari».
Nel prossimo triennio, Adm si impegnerà anche a «rafforzare l’attività di controllo sul divieto di gioco ai minori, anche in cooperazione con le Forze dell'ordine, con particolare riferimento al controllo sugli ingressi negli esercizi e sugli apparecchi muniti di meccanismi idonei ad impedire ai minori di età l'accesso al gioco, quali il corretto funzionamento di quello finalizzato all'utilizzo della tessera sanitaria». Inoltre dovrà «promuovere attività di studio e analisi per la formulazione di proposte normative e contribuire alla realizzazione di una riforma complessiva del gioco pubblico in modo da assicurare, a invarianza di gettito erariale, l’eliminazione dei rischi connessi al disturbo da gioco d’azzardo, e contrastare il gioco illegale e le frodi a danno dell’erario». Anche la Guardia di Finanza «proseguirà l’azione di contrasto agli illeciti in materia di giochi e scommesse, rafforzando le sinergie con l’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli».
MSC/Agipro

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

x

AGIPRONEWS APP
Gratis - su Google Play
Scarica

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password