Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 24/02/2024 alle ore 09:31

Attualità e Politica

08/02/2024 | 14:00

Ice a Londra, Martin (Ceo Sks365): “Acquisteremo una concessione per il gioco online, fondamentale informare i consumatori su offerta legale”

facebook twitter pinterest
Ice a Londra Martin (Ceo Sks365): “Acquisteremo una concessione per il gioco online fondamentale informare i consumatori su offerta legale”

ROMA - Alexander Martin è il Ceo di Sks365. La società, recentemente acquisita da Lottomatica (la procedura formale è in fase di completamento), ha guadagnato una solida posizione nel mercato italiano dei giochi, sia retail sia online. A Londra, Martin è stato chiamato per discutere di pubblicità in un panel internazionale. Al termine, ha rilasciato alcune dichiarazioni ad Agipronews.  

Martin, quali sono le strade per fare pubblicità responsabilmente?

Il panel organizzato ad Ice Vox, a Londra, ha affrontato in particolare il tema della pubblicità potenzialmente rivolta a minori o a chi si è autoescluso. Ora in Italia c’è un divieto totale, fissato dal Decreto Dignità, ma in altri mercati si stanno muovendo per introdurre strumenti di controllo in materia. Utilizzando gli strumenti offerti da Google e catalogando i controlli sui cookies per materia, ad esempio, è possibile indicare quali promozioni intendi ricevere in futuro. Si può anche rinunciare a ricevere promozioni relative a giochi, esprimendo il tuo “no” al sistema. Altre novità stanno accadendo in giro per l’Europa, ad esempio è stata creata una società che raccoglie tutti i dati dei giocatori che si sono autoesclusi. Quest’informazione potrà essere condivisa con il resto dell’industria, così che non vi sia per i consumatori più deboli alcuna esposizione a forme di pubblicità che potrebbero essere dannose. Anche sui social media è possibile non far arrivare la promozione dei giochi sui device del cliente che ha scelto l’autoesclusione. L’obiettivo finale di tutti è la tutela dei giocatori più deboli.
 
L’Italia sembra di fatto esclusa da questa discussione…

In pratica sì, almeno per il momento, ma sono esperienze che possono risultare utili se e quando il mercato del marketing sarà riaperto in Italia. In generale, la tendenza in tutte le giurisdizioni è ridurre l’ammontare delle giocate, dei depositi. Le limitazioni al marketing sono una delle conseguenze di questo trend regolatorio. L’aspetto fondamentale è informare i consumatori sull’offerta legale, distinguendola chiaramente da quella non autorizzata.
 
Che mercato online vedremo nel 2025, dopo la fase di riordino?

Innanzitutto è fondamentale che le concessioni siano rinnovate, così che gli operatori possano esercitare il business in maniera legale e trasparente. Difficile fare previsioni sul mercato che verrà. Noi dal canto nostro faremo domanda per una nuova licenza, appena la gara sarà pubblicata. Il regolatore prevede che non tutti continueranno a rimanere nel business, anche se un numero considerevole di marchi proseguirà. E’ interessante capire se nel 2025 avremo nuovi operatori nel mercato. Per quello che so, qualche nuovo marchio arriverà. 
 
Con il divieto di pubblicità, molti ritengono non sia possibile promuovere un nuovo brand…

Ci sono dei modi alternativi per comunicare, esistono le affiliazioni. Dal nostro punto di vista, chiederemo una licenza online e poi parteciperemo alla gara retail.
 
Il tema dell’errore di quota sta per essere finalmente affrontato e risolto. E’ un punto cruciale per il mercato?

Può succedere che ci siano sbagli nella gestione delle quote. Per fortuna si tratta di casi limitati e quindi – secondo me - privi di un impatto davvero rilevante sul mercato italiano.

NT/Agipro

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

x

AGIPRONEWS APP
Gratis - su Google Play
Scarica

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password