Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 19/06/2024 alle ore 11:50

Attualità e Politica

31/05/2024 | 18:53

Padel, alla Mediolanum Padel Cup debuttano le 'Leyendas' ex top 20 mondiali Tamame e Calneggia

facebook twitter pinterest
Padel alla Mediolanum Padel Cup debuttano le 'Leyendas' ex top 20 mondiali Tamame e Calneggia

ROMA - Debutto siciliano per German Tamame e Cristian Calneggia, arrivati oggi al Country Time Club di Mondello per la Mediolanum Padel Cup, Open FITP da 15mila euro di Prize Money. I numeri 3 del seeding, leggende della "pala", raccontano il loro obiettivo nel torneo, in attesa del debutto di stasera contro Michele Di Maggio e Marco Ferrito. German, più timido e riflessivo dice di essere arrivato a Palermo: «Per giocare, noi insegniamo padel tutto il giorno e i tornei sono la gioia di scendere in campo, divertirsi, poi certo se vinciamo e andiamo a premio male non fa, ma la prima cosa è il divertimento». Cristian Calneggia invece ci crede: «No, io quando scendo in campo penso ad una cosa sola, vincere». Cristian è nato a Cordoba, come Paulo Dybala, un grande ex qui a Palermo, nel 'barrio' argentino che in rosanero ha fatto la storia recente del pallone: da 'El Flaco' Pastore a El 'Mudo' Vazquez, fino a Silvestre e Munoz. «Dybala è il mio giocatore preferito, lo conosco – dice Calneggia -  è della stessa mia città e abitavamo non troppo lontani in Argentina». Cristian e German sono stati nella top 20 mondiale: 'Leyendas', appunto.

 

INSEGNARE AI GIOVANI Oltre a vincere, insegnare ai giovani è la mission di questi due ragazzini 'prigionieri' nel corpo di due 40enni, generosi nel trasferire ai ragazzi i loro segreti: «Il senso di responsabilità, la voglia di lavorare, la famiglia. Sono questi i primi tre principi, ce li ha insegnati un amico speciale mio e di German», dice Calneggia, che prosegue: «Un amico speciale che si chiama Fernando Belasteguin...». Il più grande di tutti. Il Roger Federer del padel che ha vissuto la sua 'Last Dance' in Argentina, nel P1 Premier Padel di Mar del Plata, l'ultima davanti al suo pubblico con cori ovazione e 'Bela' in lacrime nell'anno del ritiro definitivo che avverrà a fine stagione. A proposito, German e Cristian c'è qualcosa che volete dire a Bela? «Sì, di non smettere, di ripensarci, perchè il suo padel è magia e sogno per tutti quelli che amano questo sport».

RED/Agipro

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

x

AGIPRONEWS APP
Gratis - su Google Play
Scarica

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password