Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 01/12/2022 alle ore 20:45

Attualità e Politica

03/11/2022 | 12:56

Slot a Roma, Tar contro il Comune: "Le scuole d'infanzia non rientrano tra i luoghi sensibili"

facebook twitter pinterest
Slot a Roma Tar contro il Comune: Le scuole d'infanzia non rientrano tra i luoghi sensibili

ROMA - Le scuole d'infanzia non rientrano tra i luoghi sensibili dai quali sale e apparecchi da gioco devono osservare una distanza minima di 500 metri. A stabilirlo è il Tar Lazio nella sentenza che accoglie il ricorso presentato dal titolare di una tabaccheria, a cui nel 2019 il Comune di Roma aveva ordinato la rimozione delle slot machine. Il provvedimento dell'Amministrazione era stato deciso in quanto la rivendita era ubicata a 150 metri da una scuola d'infanzia, inclusa tra «gli istituti scolastici di qualsiasi ordine e grado» e quindi tra i luoghi sensibili. Il Collegio della Seconda sezione fa però presente che alle scuole d'infanzia sono iscritti bambini tra i 3 e i 5 anni e che per questo non rientrano nella categoria degli istituti scolastici, ma in quella degli «istituti di formazione», che concorrono «all'educazione e allo sviluppo affettivo». Il ricorso risulta quindi fondato, con la conseguenza che la tabaccheria non risulta troppo vicina a un luogo sensibile. «Il Comune di Roma Capitale - conclude il Tar - è tenuto a conformarsi in via esecutiva alla presente decisione».
LL/Agipro

Foto Credits George Hodan CC0 1.0

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

x

AGIPRONEWS APP
Gratis - su Google Play
Scarica

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password