Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 19/05/2022 alle ore 20:41

Attualità e Politica

03/03/2022 | 10:03

eSport, Barzotti (M5s): "Evoluzione del sistema dell’industria dell’intrattenimento, per il 2021 stimati ricavi globali per 1,08 miliardi di euro"

facebook twitter pinterest
eSport Barzotti M5s intrattenimento ricavi globali

ROMA - Il settore degli eSport «si è sviluppato nel quadro dell’evoluzione del sistema dell’industria dell’intrattenimento». Secondo le stime «i ricavi diretti del mercato a livello globale, intesi come
ricavi generati dalle competizioni o dalle squadre sotto forma di sponsorizzazioni, diritti media o biglietteria e merchandising, sono stati di 947,1 milioni di euro nel 2020, mentre i
ricavi previsti per il 2021 sono di 1,08 miliardi di euro», mentre in Italia i soggetti che
dichiarano di seguire giornalmente un evento sportivo digitale (cosiddetti "avid fans") sono 475.000». 
È quanto si legge nella proposta di Valentina Barzotti (M5S), relatrice del documento conclusivo dell'indagine conoscitiva sui lavoratori che svolgono attività di creazione di contenuti digitali in Commissione Lavoro alla Camera. «I gamer presentano problematiche ed esigenze specifiche, legate, ad esempio, alla assimilabilità degli sport e dei giochi elettronici agli sport tradizionali, ma per molte altre caratteristiche affrontano situazioni comuni agli altri soggetti che creano contenuti da rendere disponibili attraverso le reti digitali: guardando, infatti, alle modalità di svolgimento dell’attività, i giocatori sono assimilabili ai creatori di altri contenuti, distinguendosi solo per la particolarità del contenuto creato e reso disponibile», si legge ancora.
«Su un piano più generale, è indubbio che i creatori di contenuti siano una delle componenti della più vasta galassia dei lavoratori delle piattaforme digitali», si legge nella relazione. Come emerso in modo chiaro
dall’indagine, «la presenza di una categoria più ampia alla quale ricondurre forme di lavoro anche molto diverse tra loro non deve necessariamente comportare l’esigenza di individuare soluzioni giuridiche unificanti per una platea di lavoratori spesso accomunata solo dal fatto che le proprie prestazioni lavorative o professionali sono intermediate da una piattaforma digitale».
MSC/Agipro

Foto Credits Flickr Touring Club Suisse/Schweiz/Svizzero TCS CC BY-NC-SA 2.0

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

x

AGIPRONEWS APP
Gratis - su Google Play
Scarica

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password