Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 26/10/2021 alle ore 21:18

Attualità e Politica

23/08/2021 | 11:01

Green pass, le indicazioni di Adm per i controlli nei punti gioco: i funzionari possono chiedere documento di identità ai clienti, denuncia per chi rifiuta di presentarlo

facebook twitter pinterest
green pass manuale adm controlli punti gioco

ROMA - I funzionari dell'Agenzia Dogane e Monopoli dovranno verificare il rispetto delle disposizioni sul Green pass durante ogni ispezione nei punti di raccolta di gioco. È quanto si legge nel manuale con cui Adm ha messo a punto le indicazioni per le operazioni di controllo. «Tutte le volte in cui un dipendente dell’Agenzia dovesse eseguire un accesso o un’attività di verifica ispettiva presso un punto di raccolta del gioco indicato, dovrà verificare anche l’adempimento dell’obbligo di vaccinazione a cura dell’avventore fisicamente presente in sala», si legge. La verifica verrà effettuata tramite l'uso dell'apposita applicazione mobile. I controlli sono previsti in tutte le attività commerciali «che sviluppano una inerenza, fisica o per materia, rispetto alle competenze attribuite dalla legge all’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli». In quanto pubblici ufficiali, inoltre, i funzionari Adm potranno chiedere l'esibizione dei documenti di identità. A questo proposito il manuale stabilisce che «i dipendenti dell’Agenzia indosseranno l’abbigliamento operativo per agevolare il riconoscimento della qualifica degli operanti, nonché come tutela preventiva della loro sicurezza personale». Nel caso di violazioni alle disposizioni sul Green pass, i funzionari «provvederanno a redigere il Processo Verbale di Constatazione». Nel caso uno dei soggetti controllati si rifiuti di presentare il documento per accertare la congruenza con il Green pass, Adm procederà «alla denuncia alla Procura competente». Nel caso in cui la persona rifiuti di dichiarare le proprie generalità, i funzionari Adm potranno procedere «al fermo–accompagnamento per identificazione, a mezzo “foto segnalamento”». In ogni caso, prima di ogni ispezione, i dirigenti di Adm sul territorio «prenderanno diretti contatti con i Commissariati di zona della Polizia di Stato», senza comunicare l’attività commerciale da porre sotto controllo.
LL/Agipro

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

x

AGIPRONEWS APP
Gratis - su Google Play
Scarica

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password