Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 22/04/2024 alle ore 20:32

Estero

28/11/2022 | 19:00

Scommesse, il Massachusetts ha ricevuto 15 richieste di licenze

facebook twitter pinterest
Scommesse Massachusets licenze

ROMA - La Massachusetts Gaming Commission (MGC) ha completato il processo di richiesta per nuove licenze di scommesse sportive nello stato, con 15 operatori che hanno presentato domanda. Il termine per richiedere una licenza è scaduto alle 14 del 21 novembre: l'MGC che ha ricevuto tre domande per altrettante licenze di categoria 1, cinque per una licenza di categoria 3 collegata a una licenza di categoria 1 e sei per una licenza di categoria 3 indipendente. È stata inoltre presentata un'ulteriore domanda di licenza di categoria 3 da vincolare a una licenza di categoria 2, mentre l'MGC ha osservato che le licenze di categoria 2, per le quali sono ammissibili solo gli attuali ippodromi o strutture simulcast, saranno accettate su base continuativa dopo la scadenza. 
Encore Boston Harbor, MGM Springfield e Plainridge Park Casino hanno richiesto licenze di categoria 1, che consentono ai titolari di offrire scommesse nei loro punti fisici e su un massimo di due piattaforme online. Tutte le piattaforme online associate a una licenza di categoria 1 devono essere autorizzate come operatori di categoria 3. Le licenze di categoria 3 consentiranno ai titolari di offrire scommesse sportive nel Massachusetts attraverso una piattaforma online, senza essere associati a un punto fisico. L'MGC può rilasciare fino a sette licenze di categoria 3, escluse quelle legate alle domande di categoria 1. L'MGC ha dichiarato che intende assegnare le licenze nelle prossime settimane, con l'obiettivo di lanciare le scommesse di persona presso gli stabilimenti di categoria 1 a gennaio 2023 e le scommesse online a marzo.
MSC/Agipro

Foto credits: Flickr CC BY-NC 2.0

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

Tennis match fixing: l'ITIA squalifica a vita un arbitro

Tennis, match-fixing: l'ITIA squalifica a vita un arbitro

22/04/2024 | 18:30 ROMA - Prosegue l'impegno dell'ITIA nei confronti match-fixing nel tennis. Dopo i 15 anni al tennista spagnolo Aaron Cortes, l'International Tennis Integrity Agency ha squalificato a vita l'arbitro bulgaro Pavel...

x

AGIPRONEWS APP
Gratis - su Google Play
Scarica

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password