Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 19/05/2024 alle ore 13:02

Ippica & equitazione

29/09/2023 | 18:00

Ippica, all’Ippodromo Snai San Siro al via il calendario top di ottobre. la ‘prima’ già domenica con il Premio Vittorio Riva, il Coolmore e il Criterium Nazionale

facebook twitter pinterest
ALL’IPPODROMO SNAI SAN SIRO AL VIA IL CALENDARIO TOP DI OTTOBRE. LA ‘PRIMA’ GIÀ DOMENICA CON IL PREMIO VITTORIO RIVA IL COOLMORE E IL CRITERIUM NAZIONALE

ROMA - Al via il calendario di ottobre di galoppo all’Ippodromo Snai San Siro di Milano che ospita, già da domenica dalle ore 14:10, la 34^ giornata stagionale con un programma che mette in scena tra le sette corse il Premio Vittorio Riva, il Premio Coolmore e il Criterium Nazionale. Un pomeriggio che, come sempre, oltre agli eventi in pista offre al pubblico e, in particolare ai bambini, la possibilità di vivere in perfetto relax e divertimento gli ampi spazi verdi dell’impianto di piazzale dello Sport 16 (cancelli aperti dalle ore 12:30 - ticket ingresso a 5 euro posto unico e 7,50 euro per i nuclei familiari, mentre è gratuito per i minori e i portatori di handicap con un accompagnatore): animazione nell’Area Kids, il ‘Battesimo della sella’ sul pony con gli istruttori del Centro Ippico Lombardo. E poi l’area del Cavallo di Leonardo, il Parco Botanico e molto altro ancora, mentre i servizi di piccola e grande ristorazione sono sempre attivi a partire dalle ore 13. Partiamo nel presentare il Premio Vittorio Riva, tradizionale listed per i maschi e castroni di 2 anni sui 1.500 metri di pista media sulla strada del Gran Criterium del 22 ottobre. Prova che alla vigilia non ha un padrone, come si può capire vedendo anche l’estivo De Montel, quando Maturlo vinse una corsa pazzesca dall’ultima posizione, con Orso e Melfi a strettissimo contatto; il bis di Maturlo è ampiamente possibile, ma la penalità e il rientro frenano un po’ gli entusiasmi, e se Orso deve dare conto di una prestazione francese troppo brutta per essere vera nel La Rochette. Melfi, al contrario, è parso in crescita nel suo vittorioso rientro, e alla fine della fiera è quello che si guadagna la nomination. Master sta migliorando a sua volta di corsa in corsa e se la gioca, mentre l’inglese Cheeky Blimey è parso un po’ calo dopo i suoi inizi, ma sempre in contesti di un certo rilievo. Non meno importante il Premio Coolmore, classico trial in vista del Dormello per le femmine di 2 anni sui 1.500 metri di pista media. Pesa molto nella valutazione il riferimento del trial di preparazione per questa corsa, con quattro delle cinque al via di nuovo di fronte e con la vincitrice Rebel Music che vinto meritando e che pertanto merita la nomination. Non è così facile però, perché Beauty Of Tuscany sarà certamente venuta avanti essendo parsa bisognosa di rodaggio, così come la stessa Confort Zone che può valere di più di quello che si è visto, e con la runner-up di quel giorno, The Last Rebel che era finita molto forte dall’ultima posizione in retta. E poi a sparigliare le carte ci può essere Mysterious Shadow, che ha appena vinto al debutto da circoletto rosso e che può essere tutto. Il trittico si chiude con il Criterium Nazionale, ex listed diventata ‘Super condizionata’ riservata ai velocisti di 2 anni sui 1.200 metri in dirittura. Campo ristretto ai minimi termini, come da tradizione del resto, ma che pensa che la scelta sia facile si sbaglia di grosso, anche se una lievissima preferenza la si accorda a Portomatto, che nulla ha potuto contro la runner-up del Primi Passi poi a segno in listed, offrendo però una prestazione molto solida che certifica le due ambizioni. L’altro romano Grand Grey ne ha vinte due su tre e non ha affatto demeritato nel De Montel, e se Midnight Black deve venire avanti molto dal debutto in ogni caso promettente, non sarà da sottovalutare L’Incorreggibile, che accorcia saggiamente la distanza. Tornando all’ordine cronologico delle corse del programma, la domenica di San Siro si apre con la prova per i debuttanti sulla distanza selettiva dei 1.800 metri intitolata a Giangiacomo Trivulzio. Come sempre in questi casi saranno i movimenti del mercato e un esame attento al tondino a fornire i suggerimenti migliori, in attesa deli quali proviamo ad indicare Komel, un Camelot che nasce molto bene e che arriva da una scuderia che si muove sempre molto bene con i propri puledri. La qualità non fa certo difetto neppure a Finch e Verso Le Stelle, a loro volta molto affascinanti e provenienti da top yard. Alla 4^ corsa, invece, Il primo handicap del giorno è per i velocisti di 3 anni ed oltre di discreta categoria sui 1.200 metri, sponsorizzato dalla NBF Lanes con il prodotto Ribes Horse. Prince Of Braccio e Bagliore arrivano lanciato da un piazzamento che certifica i rispettivi propositi bellicosi e se Sunshine Day deve fare i conti con uno steccato penalizzante, il colpo in canna migliore potrebbe averlo Ilomilo, certamente bisognoso di rientrare e atteso ora sui suoi abituali validissimi standard, che qui possono bastare per chiudere i conti. Danny Ocean che rientra con un peso, Blu Air Tucker che ad un certo punto è sembrato un mostro ed Enigma Code che non si può mai trascurare, sono tutte pericolosissime mine vaganti. Ancora un paio di ottimi handicap sponsorizzati dalla Ecohorse chiudono la giornata, il primo è il Premio Ecohorse Made in Italy dei quali è sul miglio di pista media per i 3 anni ed oltre. Situazione in cui ci si può sbizzarrire alla grande, essendo molto ampia e molto varia la gamma delle candidature, tra cui certamente quella di Griffe De Chat, che non ha demeritato in un contesto ancor più duro di questo l’ultima volta e che in precedenza aveva fatto intendere di aver le potenzialità giuste per colpire. Denaar, invece, abbassa un po’ il tiro, così come Jar Jar Bink, entrambi molto pericolosi, mentre più in basso nella perizia c’è Chesterton, finito come un treno dalle retrovie nella sua apparizione più recente. Logicamente c’è anche Amola, che ha appena vinto alla grande, ma ce ne sarebbe qualcun altro. La bella domenica di galoppo all’Ippodromo Snai San Siro si chiude con la settima prova, un altro handicap sponsorizzato, come detto, dalla Ecohorse ma valido come Premio Ecoplus Pavimentazioni in Gomma: si tratta di una corsa sul doppio chilometro in pista media aperto a tutti. Anche qui non si fa fatica a trovare gente che vuole e che può vincere, come Belted ad esempio, che sale di categoria ma dopo un secondo posto che grida vendetta e con un ritmo di corsa che si prospetta selettivo come piace a lui. Midnight Season invece si declassa e vale la primissima linea, con a ruota Cima Devil altro recente runner-up con il dente avvelenato. Swooping Eagle è invece uno molto regolare, mentre Valzer è un’altra che ha appena corso molto bene, ma una porta più o meno aperta va lasciata a tutti.Prossimi appuntamenti mercoledì 4, con il Premio Dormelletto, e domenica 8 con il Premio Elena e Sergio Cumani e il Premio Verziere – Memorial Aldo Cirla. 

RED/Agipro

Foto credits: Dena-Snaitech

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

x

AGIPRONEWS APP
Gratis - su Google Play
Scarica

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password