Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 25/06/2022 alle ore 20:44

Ippica & equitazione

23/06/2022 | 18:16

Ippica, all’Ippodromo Snai San Siro sabato dedicato al cavallo: prima con la ‘Frecciarossa Milano Jumping Cup’ e alla sera il galoppo con il Premio De Montel e il Mantovani

facebook twitter pinterest
ALL’IPPODROMO SNAI SAN SIRO SABATO DEDICATO AL CAVALLO: PRIMA CON LA ‘FRECCIAROSSA MILANO JUMPING CUP’ E ALLA SERA IL GALOPPO CON IL PREMIO DE MONTEL E IL MANTOVANI

All’Ippodromo Snai San Siro di Milano sarà un sabato 25 giugno di grande spettacolo ed emozione e che vedrà il cavallo protagonista assoluto. Con ingresso gratuito al pubblico per tutta la giornata da piazzale dello Sport 16, il programma parte dal mattino fino al tardo pomeriggio con la seconda giornata del ‘Frecciarossa Milano Jumping Cup‘, il concorso internazionale di salto ostacoli organizzato al centro del circuito del galoppo e che vedrà protagonisti le migliori amazzoni e i migliori cavalieri del circuito internazionale. L’evento durerà fino al tardo pomeriggio di domenica 26 giugno; a seguire, dalle ore 20:30, parte il programma valido per la 39^ giornata stagionale di galoppo strutturata su sei prove tra le quali spiccano gli attesi Premio Giuseppe De Montel (alle ore 21:05) e il Premio Gino e Luciano Mantovani (alle ore 22:20). Focalizzando l’attenzione proprio sulla notturna di galoppo, il Premio Giuseppe De Montel è una prova che ricorda una delle figure storiche e più appassionate dell’ippica nazionale già dai primi del Novecento. Di origine trentina, Giuseppe De Montel fu un magnate della seta ma con la grande passione per i cavalli. Il suo desiderio, infatti, era quello di portare l’ippica italiana agli stessi livelli dei francesi e degli inglesi. Dal 1910, grazie alla costruzione delle scuderie di fianco all’ippodromo milanese, le Scuderie De Montel divennero tra le più prestigiose d’Italia e a livello mondiale. I suoi boxes hanno accolto i purosangue del calibro di Ortello, Orsenigo e Macherio, ma anche i cavalli del ‘Reggimento Savoia Cavalleria’ della caserma Montebello di Milano. Tra i fantini, invece, emblematica l’esperienza del leggendario fantino Enrico Camici, quello di Ribot, che già all’età di 12 anni lavorava per De Montel. Il Premio Giuseppe De Montel rappresenta il giusto tributo dato che si tratta di una Listed sulla distanza di 1.400 metri nella pista media di San Siro che ha per protagonisti i maschi e i castroni di 2 anni. Quella di sabato sarà un’edizione interessante con tutti i partenti, nessuno escluso, con buone possibilità di vincere. Staremo a vedere. L’altra ‘classica’ della serata milanese è il Premio Gino e Luciano Mantovani, un’altra scuderia che fu un importante tassello per l’ippica italiana. La prova è una Listed gemella rispetto al De Montel, sempre sulla distanza di 1400 metri circa in pista media, ma con protagoniste le femmine di 2 anni che in carriera non hanno mai vinto due Listed. Anche in questo caso lo spettacolo è assicurato così come l’incertezza sulla vincitrice dato che tra le partenti figurano due puledre che hanno destato fino ad ora grande impressione, ovvero Aloa e Talentuosa.

Per le altre corse, andando in ordine cronologico, in pista dalle 20:30 con il Premio Nobili Giugi e Lorenza Strada Moro Visconti con le amazzoni e i cavalieri in sella per questo tradizionale handicap di ottima categoria sulla distanza di 1.800 metri di pista media. Nabbeyl e Sopran Tucano possono far bene, anche se la sorpresa potrebbe essere Puo Succede. Dopo il De Montel il Premio Gian Giacomo Trivulzio con i cavalli di 3 anni per questo tradizionale Handicap Limitato sui 1.800 metri di pista media. Corsa complicata con diversi pretendenti alla vittoria. Così come dopo il Mantovani è il Premio Pallanza che vede i puledri di 2 anni con a disposizione questa maiden sui 1.500 metri di pista media. Sopran Polluce, per genealogia e provenienza è da tenere d’occhio, ma anche Wide Sea può sorprendere. Il fattore esperienza, però, potrebbe favore di un paio di elementi come Certaldo e Anche Meno. In chiusura della lunga giornata all’Ippodromo Snai San Siro di Milano dedicata al cavallo tra equitazione e galoppo, ecco il Premio Karla Willer con protagoniste le femmine di 3 anni ed oltre per un Handicap Limitato sul miglio allungato di pista media. Conclusione di programma assolutamente degna di una serata così bella, con un tasso di competitività ai massimi livelli e con Burattina che impressionare. Anche Lucirex sta andando bene, mentre la giovane Love Shots appare in forma e in possibile miglioramento. Subito a ruota ci sono Sopran Kalypso e Moorlond Spirit.

RED/Agipro

Foto credits: Dena-Snaitech

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

x

AGIPRONEWS APP
Gratis - su Google Play
Scarica

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password