Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 27/05/2024 alle ore 20:32

Ippica & equitazione

06/05/2024 | 08:55

Ippica, all’Ippodromo Snai San Siro sabato divertente con Sopran Akilios che vince il Premio Jimy’s Grey, mentre Nightliner a sorpresa si aggiudica il Premio Lodi Vecchio

facebook twitter pinterest
ALL’IPPODROMO SNAI SAN SIRO SABATO DIVERTENTE CON SOPRAN AKILIOS CHE VINCE IL PREMIO JIMY’S GREY MENTRE NIGHTLINER A SORPRESA SI AGGIUDICA IL PREMIO LODI VECCHIO

ROMA - Nel primo sabato di maggio all’Ippodromo Snai San Siro di Milano, per la  13^ giornata stagionale di galoppo, in evidenza tra le sette prove del programma il Premio Lodi Vecchio e il
Premio Jimy’s Grey. È stato un pomeriggio che ha anche ricordato, nelle intitolazioni delle altre corse, 
personalità del mondo del giornalismo e della scrittura legati dalla passione per l’ippica come lo sfortunato
Alessandro Ferrario, scomparso nel 2019, a 52 anni, a causa di una puledra che ad un tratto si è imbizzarrita  ferendolo a morte, ma anche le firme d’autore Manlio Cancogni, scomparso nel 2015, vincitore del Premio Strega nel 1973, o Giorgio Caronna, decano dei giornalisti di ippica internazionale nel settore galoppo, ma  anche Francesco ‘Franco’ Varola, testimone del lavoro di Federico Tesio dagli anni Trenta del secolo scorso.
E poi Bruno Santopadre, noto ristoratore e grande passione delle corse ippiche.
Le due condizionate di tradizione e di preparazione erano, come detto, i piatti forti della 13^ giornata.
Partiamo con i velocisti del Premio Jimy’s Grey che perdevano alla vigilia il capolista Ghepardo da Todi, 
rimasto ai box per fortuna non per problemi seri, che avrebbe avuto una gatta da pelare andando contro il 
vincitore Sopran Akilios, che replicava il successo appena ottenuto con una prestazione in progresso che a  questo punto gli schiude le porte anche per ambizioni. E alle sue spalle finiva ancora Jack Folla, che lo aveva  seguito anche la volta prima, mentre gli attesi Godsave e Sopran Marte non riuscivano ad intervenire  pagando dazio al complicato terreno odierno.
Anche nel Lodi Vecchio la forma recente veniva esaltata con il successo a sorpresa per Nightliner, che  completava la sua hat-trick in un crescendo esaltante; imperiosa la sua progressione dopo aver seguito con  facilità a centro gruppo, ingranava una marcia in più ai 400 scarsi per staccarsi in maniera autoritaria; è  sempre stato un buon elemento, ma è chiaro che in questo momento stia marcando dei progressi  clamorosi, e a questo punto sperare non costa nulla. Il favorito Neorion ha fatto il suo dovere ma ben presto  ha dovuto accontentarsi del secondo posto. 
Molto interessante era anche l’handicap per i fondisti giovani sul miglio e mezzo di pista grande, prova che 
ricordava il compianto giornalista Alessandro Ferrario e che veniva siglata da Fly High, la cui scelta di andare  in avanti senza indugi veniva premiata, riuscendosi a salvare con grinta dal finale di Puente Roman, con i  due ben avanti al terzo. 
Per i 3 anni c’era anche una maiden sul doppio chilometro in ricordo di Bruno Santopadre, che alla vigilia  era tutta incentrata sul match tra Aramis e Heavy Impact, ma che invece vedeva il colpo a sorpresa del  debuttante Filibustiere, che dopo aver seguito bene i primissimi lungo il percorso, piazzava un ottimo allungo a traguardo lontano tenendo fino in fondo. Heavy Impact manteneva il suo ruolo finendo secondo ma senza troppe recriminazioni, mentre Aramis calava presto dopo una promettente proiezione, cedendo il terzo a No Further Comment.

I 3 anni avevano a disposizione il Franco Varolla, anche un bel handicap che valeva come Quintè, dove la logicai certezza della vigilia veniva spezzata dal finalone ad effetto di Lugana Dream, che dall’ultima 
posizione al largo di tutti chiudeva la partita, davanti a She e Tajine.
Nell’handicap per i fondisti per il Giorgio Caronna, splendido sigillo per Shifting Of Stukko, che completava  un gagliardissimo percorso all’avanguardia non calando mai nonostante il buon ritmo imposto fin dal via, avendo sempre al fianco Che Musica Maestro, che lo seguiva fino in fondo provandoci in tutte le salse.
Il programma comprendeva anche una reclamare aperta a tutti sul miglio allungato, per il Premio Manlio  Cancogni, che Show Airing non si faceva sfuggire, confermando il promettente rientro e chiudendo qui i conti con un buon piglio. 
Settimana prossima, come per tutto il mese, si corre il giovedì e il sabato all’Ippodromo Snai San Siro di 
Milano. Il 9 pomeriggio è di scena il Premio Equality, mentre l’11 è in programma una bella riunione con in 
evidenza il Premio Po (handicap), il Premio Razza Ceserio (debuttanti) e il Premio Oleggio Castello (handicap).

RED/Agipro

Foto credits: Dena-Snaitech

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

x

AGIPRONEWS APP
Gratis - su Google Play
Scarica

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password