Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 03/03/2024 alle ore 20:36

Ippica & equitazione

18/09/2023 | 11:40

Equitazione, Campionato Europeo Fei Montelibretti 2023: Italia oro a squadre tra gli Young Riders. La Germania domina tra gli Junior con Leopoldo Petrini medaglia d’argento

facebook twitter pinterest
Equitazione Campionato Europeo Fei Montelibretti 2023 Italia oro squadre Young Riders Germania Junior Leopoldo Petrini medaglia argento

ROMA - Adrenalina, concentrazione e tanti applausi per i giovani scesi in campo oggi nella storica ‘Arena Piazza di Siena’ del Centro Militare di Equitazione di Montelibretti, per la prova decisiva di salto ostacoli dei FEI Eventing European Championship Young Riders & Juniors.

Anche se con un motivo in più per far festa sono state le nazioni entrate nel medagliere dell’Europeo 2023, a vincere veramente è stato lo sport e la passione per il cavallo che ha accomunato tutti i 123 partecipanti in rappresentanza di 19 bandiere.

Per l’Italia quella di oggi è stata comunque una giornata memorabile, con l’oro a squadre conquistato dal Team Young Riders, primo in assoluto in questa categoria, e l’argento individuale al collo dello junior Leopoldo Petrini.
Nella storia degli Europei giovanili di concorso completo l’Italia sale così a ben 48 medaglie vinte.

 

Young Riders

Avvincente e incerta fino all’ultimo salto. L’impegnativa prova di salto ostacoli degli Young Riders (un solo percorso netto…) ha regalato emozioni a non finire, con continui cambiamenti delle posizioni di vertice sia a squadre che a titolo individuale.

Tra le squadre alla fine è stato il Team Italia a prevalere sugli avversari, conquistando una storica medaglia d’oro (122.60 pn). Protagonisti quattro brillantissimi giovani: il Caporal Maggiore dell’Esercito Italiano Matteo Orlandi con Quality in Time (4° posto individuale; 37.80 pn), Camilla Luciani con Athina Quandolyn (8^; 42.30), Edoardo Fortini con Cooley Showtime (9°; 42.50) e Pasquale Migliaccio con Myvatn de Remella (24°; 55.30).

A rafforzare il trionfo italiano, anche tre azzurri nella ‘top ten’ individuale: Luciani, Fortini e Orlandi, quest’ultimo al quarto posto, fuori dal podio per soli 10 centesimi di punto. La sua è stata comunque una prova maiuscola.
 
Entusiasti, felici e sorridenti i quattro azzurri che hanno compiuto l’impresa:
“Oggi è andata benissimo - hanno detto all’unisono Matteo Orlandi, Camilla Luciani, Pasquale Migliaccio ed Edoardo Fortini - siamo felici di essere riusciti a conquistare una medaglia d’oro a squadre davvero molto importante per noi. Ci siamo divertiti e abbiamo dato il nostro meglio in queste giornate di gara così emozionanti che abbiamo vissuto insieme ai nostri formidabili cavalli, compagni di avventura in questo campionato d’Europa”.

“È stata una bellissima gara - gli ha fatto eco Jacopo Comelli, Tecnico Selezionatore del settore giovanile del concorso completo - i ragazzi hanno dimostrato tutti i giorni grande tecnica e concentrazione. Ci hanno regalato l’emozione di una medaglia d’oro e di una d’argento… Non c’è che dire, oggi è stata una giornata, e per me un compleanno, indimenticabili”.

Sul podio anche l’Irlanda, medaglia d’argento (123.30) e la Germania, bronzo (125.20).
Il titolo di campione d’Europa è invece andato alla francese Charlotte Bordas con Firewall des Aucels Z che con l’unico percorso netto di oggi, è stata anche l’unica dei concorrenti a completare il campionato con lo stesso punteggio della prova di dressage (28.60).
Argento alla tedesca Kaya Thomsen con Cool Charly Blue (33.90) e bronzo all’irlandese Alannah Kelly in sella a Cooley Bounce (37.70). La doppia medaglia dell’Irlanda, compensa un po’ l’amaro per l’uscita di scena per ritiro di Comte Ligniere Z, compagno di gara di Chloe Fagan leader della classifica dopo il cross-country.

 

Juniores

Come già nel 2021 la Germania ha firmato una doppietta nella categoria vincendo sia la medaglia d’oro individuale che quella a squadre.
Protagonista Smilla Maline Philipp (23.50 pn) che ha confermato la prima posizione guadagnata dopo il test di dressage e meritatamente mantenuta ieri dopo il cross-country. Completamente a proprio agio anche nel salto ostacoli in sella al 15enne ed esperto Sir Boggles, con il percorso netto la giovane tedesca non ha solo vinto l’oro individuale, ma ha contribuito alla conquista del titolo a squadre della Germania, indossando così le sue prima medaglie in carriera. 

Percorso netto anche per gli altri medagliati saliti sul podio individuale. Leopoldo Petrini con Emerald Jonny ha vinto l’argento (24.80 pn). Il campione italiano di categoria oggi ha montato con determinazione. Superato l’ultimo ostacolo del percorso l’azzurrino ha scaricato tutta la tensione accumulata nella consapevolezza della grande opportunità che aveva davanti dopo il secondo posto ottenuto nel dressage.
A completare il podio la francese Jeanne Brunel con Dexter Z (24.90 pn). Smilla Maline Philipp, Leopoldo Petrini e Jeanne Brunel sono stati tre dei diciannove junior che hanno portato a termine il campionato con lo stesso punteggio del dressage.

Alle spalle della Germania (81.30), sul podio della classifica a squadre sono salite la Gran Bretagna (81.70) e la Francia (88.60).

Il Team Italia Juniores ha chiuso in nona posizione (128.20 pn) con le prove di Sarah Giulia Goldschlag con Tintoretto del Quadrifoglio (37^ nella classifica individuale; 40.20), Andrea Gaia Dissette con Luvis (38^; 40.30), Federica Vincenti con Bad Boy Z (51^; 47.70). Del quartetto della squadra ha fatto parte anche Giulia Mannoni con Invictus ieri eliminata nel cross-country.
Tra gli junior in gara solo a titolo individuale Sofia Pini, oggi percorso netto con il suo Corgary Kansas (57^; 51.20).

RED/Agipro

Foto credits Massimo Argenziano

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

x

AGIPRONEWS APP
Gratis - su Google Play
Scarica

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password