Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 28/09/2022 alle ore 17:28

Ippica & equitazione

19/08/2022 | 16:27

FEI World Championship Pratoni 2022: una entry list di grandi talenti per il concorso completo e record di numeri

facebook twitter pinterest
FEI World Championship Pratoni 2022

ROMA - Manca ormai meno di un mese all’appuntamento con i campionati mondiali di Concorso Completo e Attacchi in calendario ai Pratoni del Vivaro dal 15 al 25 settembre. Le gare sono concentrate in due fine settimana che si preannunciano straordinari sia dal punto di vista tecnico che spettacolare.
La conferma viene ovviamente avvalorata anche dal recente annuncio delle long list degli iscritti alle prove di concorso completo (15-18 settembre). I continenti rappresentati saranno 4 (America, Asia, Europa e Oceania) con 27 nazioni, delle quali 17 potenzialmente eleggibili per la competizione a squadre (3 il minimo numero di cavalieri per la qualifica di team). 
L'elenco completo dei cavalieri iscritti include nomi affermati e famosi come l’australiano Andrew Hoy, triplo oro olimpico, i britannici Pippa Funnell, due volte campionessa europea, e William Fox Pitt, ex numero 1 del mondo e medaglia d'oro a squadre agli Europei proprio ai Pratoni nel 1995, lo statunitense Phillip Dutton, che potrebbe disputare il suo nono Campionato del Mondo consecutivo, e Karin Donckers, che rappresenta il Belgio ai massimi livelli da tre decenni.
Compaiono poi gli ultimi tre campioni del mondo individuali, rispettivamente del 2010, del 2014 e del 2018, i tedeschi Michael Jung e Sandra Auffarth e la britannica Ros Canter, più il francese Nicolas Touzaint, che ha vinto il titolo europeo ai Pratoni nel 2007, l’altro britannico Oliver Townend, attuale numero 1 al mondo e membro della squadra vincitrice nel 2007, e Julia Krajewski, la tedesca campionessa olimpica in carica.
Accanto a questi nomi leggendari c'è una ‘nouvelle vague’ che comprende Felix Vogg, primo vincitore svizzero di CCI5*-L in 71 anni, il suo connazionale Robin Godel, che ha vinto il Test Event di maggio ai Pratoni, il giapponese Kazuma Tomoto, quarto al Giochi Olimpici di Tokyo 2021, e l’australiana Lissa Green, la cui madre Lucinda ha vinto il titolo nel 1982 per la Gran Bretagna.
La Nuova Zelanda, il paese che ha dominato il Mondiale del 1998 ai Pratoni, con Blyth Tait, Mark Todd, Vaughn Jefferis e Andrew Nicholson, ha ora una nuova leva guidata dalla coppia formata da Jonelle e Tim Price, marito e moglie, numero 2 e 3 nel ranking FEI, oltre ad Amanda Pottinger, la cui madre Tinks ha gareggiato ai Mondiali 1986.
La Gran Bretagna, che ha vinto entrambi gli Europei disputatisi ai Pratoni nel 1995 e nel 2007, ha anche nuovi nomi come gli ori olimpici Tom McEwen e Laura Collett, oltre a Yasmin Ingham, quest’anno seconda a debutto in CCI5*-L.
«Con una tale, incredibile gamma di talenti, promette di essere un Campionato del Mondo altamente competitivo, che sicuramente produrrà medagliati meritevoli - è il commento di Giuseppe Della Chiesa, event director e course designer per il cross country - È davvero emozionante avere così tante nazioni al via, siamo tutti curiosi di vedere chi salirà sul podio, alla fine».
Le iscrizioni definitive sono previste per il 5 settembre. Al momento, le nazioni che potrebbero gareggiare a squadre con almeno tre rappresentanti sono: Australia, Austria, Belgio, Brasile, Canada, Francia, Gran Bretagna, Germania, Irlanda, Italia, Giappone, Nuova Zelanda, Polonia, Spagna, Svizzera, Svezia e Stati Uniti. Dieci nazioni saranno invece in gara a titolo individuale: Cina, Repubblica Ceca, Danimarca, Ecuador, Ungheria, India, Lituania, Messico, Olanda e Thailandia.
RED/Agipro

Foto: © Massimo Argenziano

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

x

AGIPRONEWS APP
Gratis - su Google Play
Scarica

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password