Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 30/05/2024 alle ore 20:58

Ippica & equitazione

23/04/2024 | 15:20

Ippica, Ippodromo Snai La Maura: giovedì in pista l’ultima giornata prima della pausa con il Gran Premio Barbetta ed altre sette prove a partire dalle ore 15

facebook twitter pinterest
Ippica Ippodromo Snai La Maura giovedì pista ultima giornata pausa Gran Premio Barbetta sette prove partire ore 15

ROMA - A Milano un giovedì 25 aprile che regala agli appassionati di trotto una bella giornata di corse, a partire dalle ore 15, compresa l’edizione 2024 del Gran Premio Mario e Ettore Barbetta, classico handicap di Gruppo III con partenza con i nastri sulla distanza di 2700-2740 metri riservata ai cavalli esteri di 4 anni ed oltre, e indigeni di 5 anni ed oltre. Una corsa che ricorda due grandi figure del trotto italiano: Ettore è stato un pioniere in Italia del trotto nei primi decenni del Novecento e tra le corse vinte lo ricordano come trionfatore del primo campionato europeo di Cesena con il cavallo Homer nel 1927; Mario, scomparso a Milano nel 2008 all'età di 92 anni, era figlio di Ettore e in sulky è stato considerato una guida per intere generazioni di drivers; al di fuori della pista si è sempre distinto per educazione e rispetto anche nel ruolo di commissario di corsa. Le altre prove, invece, riportano i nomi dei cavalli che si sono distinti sotto la guida di Ettore e Mario nei vari anni, dal 1927 al 2004, in cui hanno trionfato nelle corse più prestigiose ed indimenticabili.

Il programma, valido per la 19^ giornata stagionale nonché ultima prima della pausa di maggio e giugno con un arrivederci alla ripresa fissata per giovedì 11 luglio, prevede anche la parte etra-ippica. Durante il pomeriggio, infatti, l’impianto ospita tanta animazione ed intrattenimento per i bambini e i loro familiari. Nell’area aperta e anche coperta riservata all’animazione, lo staff di Pepe Party Milano organizza giochi, laboratori, baby-dance e molto altro ancora, mentre sul prato in prossimità dell’ingresso ci sono i ponies del CIL – Centro Ippico Lombardo – pronti a far vivere ai bambini dai 3 ai 13 anni l’ebbrezza del ‘Battesimo della sella’. Per tutti, invece, attivi i bar tavola calda e fredda per pranzare o per un caffè o aperitivo. Tutte le attività di intrattenimento sono incluse nella tariffa del ticket di ingresso – 3 euro – solo per i maggiorenni, mentre l’accesso è gratuito per i minori e i portatori di handicap certificati con un accompagnatore al seguito. Possibilità del Tour nelle scuderie de La Maura con l’ausilio di una guida con ticket da 20 euro.

Ma andiamo a quello che accadrà in pista in ordine di uscita, una giornata che vede il supporto della Selleria Artigiana Gavioli di Novara che, per ogni corsa, offre i propri prodotti (coperte, cavezze in cuoio e altro) ai vincitori delle rispettive prove. Per il Gran Premio Barbetta, invece, è presente Ettore Barbetta junior, nipote di nonno Ettore e zio Mario, e giornalista ippico, che omaggia con un trofeo il guidatore e l'allenatore del cavallo vincitore dell’edizione 2024.

PROGRAMMA – INIZIO ORE 15

PRIMA CORSA – PREMIO HOMER (1927) Apertura di pomeriggio con una prova condizionata per cavalli europei di 3 anni non vincitori di Euro 3.000,00 nella carriera impegnati sulla distanza di 1650 metri. Fatou di Poggio ha sbagliato a Trieste ma l’errore non riduce la stima nei suoi confronti che, unita al curriculum con vittoria e piazzamento, ne fa il cavallo da battere. Fxcasei Joyeuse, con il secondo posto ottenuto all’ultima a media di rilievo, sembra aver trovato la giusta quadratura e si propone come alternativa. Farfuglia Gnafà è da attendere in progresso, mentre c’è da prestare attenzione alla coppia proveniente da Bareggio con Fabulous Fi valido secondo all’ultima e Furioso Bar.

SECONDA CORSA - PREMIO SELLERIA GAVIOLI Segue la corsa intitolata alla Selleria Gavioli con una prova ad Handicap sui 2700 metri per cavalli anziani in cui il solo Danielino, terzo a Bologna mostrando condizione al top, tenterà la fuga. Ritroviamo Jussy de Paumar, ottima in occasione delle varie uscite francesi e perfettamente a suo agio sia nella giravolta sia sulla distanza misurata da tre anziani al top della condizione. Downtown As, dopo una serie di prestazioni eccellenti, ha centrato il bersaglio pieno sulla pista di Torino, mentre Demetrio, suo compagno di training, è reduce da un successo in handicap sulla breve dove è piaciuto senza riserve. Cesare Amg, forse meno avvezzo allo schema, è forte di una suite di vittorie al cospetto di avversari di livello elevato. Quindi sarà una bella corsa da vedere.

TERZA CORSA - PREMIO PALLA (1928) In pista una condizionata per le sole femmine europee di 3 anni sui 1650 metri in cui Fergie ha il miglior numero e si presenta con una vittoria ed una piazza d’onore, cioè premesse che ne fanno la prima scelta nei confronti del compagno di training, Former As, relegato in seconda fila. Flika Pal Ferm ha vinto e convinto in coppia con il suo proprietario e sarà sicuramente in lizza per il bis. Fiammetta Grif ha motore e parziale e al pari di Fantastica Caf, reduce da piazza d’onore, e l’ospite Follia Np che rivestono il ruolo di classica sorpresa.

QUARTA CORSA - PREMIO ZAMBESI BI (2000) Termina la prima parte del programma l’Handicap sulla distanza dei 1650 metri con i cavalli anziani affidati ai Gentlemen. Allo start il velocissimo Zaffiro Gzo cercherà di metterla sul ritmo per sfuggire agli inseguitori Zar dei Baba e Catwalk Pink penalizzati di un nastro e soprattutto di un trio al via al terzo nastro pericolosissimo. Tra questi la prima nomination spetta a Dalila Bar, reduce da una vittoria proprio in schema analogo a Torino sui 2000 metri alla media di 1.11.9, cioè con una prestazione che si commenta da sola e che la colloca al vertice del pronostico. Cannes dei Greppi si trova a suo agio in queste corse e punta deciso al podio, mentre l’altro targato Greppi, Cluny, riveste con Diva Ferm i possibili outsider.

QUINTA CORSA - PREMIO BRAVUR SUND (1991) La seconda parte della riunione a La Maura si apre con la condizionata riservata ai cavalli europei di 3 anni non vincitori di Euro 35.000,00 nella carriera sui 2250 metri. Si rivede Far West Bi soggetto dai mezzi indubbi e considerato fin dalle prima uscite come uno dei possibili protagonisti della generazione. Al netto dei dubbi sulla condizione resta tra i più attesi. Flash Np si è imposto nel recente Gran Premio Italia di Bologna e, nonostante il numero in seconda fila, sarà protagonista. Fakir Roc e Follow Me d’Arc hanno un invidiabile costanza di rendimento che, unita al potenziale messo in mostra fino ad ora e ai numeri di avvio, saranno in prima linea per il successo. Follia d’Esi, Favola Ek e Francesco Grif sono molto più di una semplice alternativa.

SESTA CORSA - PREMIO INFANT DU BOSSIS (2004) Condizionata per i cavalli di 4 anni che vede Enzo Jet puntare ad un immediato riscatto dopo aver sbagliato in occasione della corsa di rientro. Premesse analoghe per Equipe della Casa comunque valido nell’inseguimento dopo l’errore iniziale, ed in grado di risolvere la partita grazie ad un parziale notevole. Enea Sl all’ultima ha ottenuto un confortante secondo posto che lo dice in crescita e ritrovando la continuità può inserirsi. Eagle Prav ed Espresso Italia non possono essere sottovalutati avendo in più occasioni mostrato di essere competitivi ad alti livelli. Esedomani ed Eifell Fi le classiche sorprese.

SETTIMA CORSA – GRAN PREMIO ETTORE E MARIO BARBETTA (GRUPPO III) Ed ecco il top della giornata di trotto milanese con la nuova edizione del Gran Premio Ettore e Mario Barbetta, classico handicap sui 2700 metri in cui il solo Desiderio d’Esi ha accettato la perizia come penalizzato e sarà chiamato a recuperare 20 metri ad un manipolo di esperti anziani al top della forma. Seguendo l’ordine dalla perizia il primo punto di riferimento dovrebbe essere Boccadamo a segno ad inizio anno nel Gp Della Vittoria guarda caso proprio un handicap sui 2500 e successivamente nel Gp Ponte Vecchio altra corsa di Gruppo III: Dilva Jet seconda del Vittoria non può essere trascurata al pari di Cardoso Dr autore nella citata uscita di prestazione super. Caronte Trebi e Coeur Joyeuse godo di collocazione invitante da cui potrebbero inscenare percorso ad alto ritmo. Gli indomiti Vaprio e Ziguli dei Greppi sono ancora pronti alla zampata e meritano attenzione al pari di Jimmy Ferro scelta di Alessandro Gocciadoro e piaciuto in occasione dell’ultima uscita.

OTTAVA CORSA - PREMIO MONI MAKER (1998) Chiude il bel 25 aprile all’Ippodromo Snai La maura di Milano la prova condizionata per le femmine europee di 4 anni. Eletra Alky di No alla penultima ha vinto a media di rilievo sui 2000 metri e, ripetendosi su quei livelli, appare come il punto di riferimento della corsa. England As all’ultima ha risolto la pratica correndo di fatto poco più di 300 metri lasciando sul posto i rivali. Difficile da valutare Beauty Evo alla prima uscita in Italia dopo una prima parte di carriera Svedese, ma il fascino della guida di Alessandro Gocciadoro induce al massimo rispetto. Electra Winner ed Eleonora Wind avrebbero i mezzi per imporsi ma i frequenti errori ne limitano il rendimento.

RED/Agipro

Foto credits Dena - Snaitech

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

x

AGIPRONEWS APP
Gratis - su Google Play
Scarica

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password