Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 26/05/2024 alle ore 20:32

Ippica & equitazione

10/05/2024 | 12:45

Piazza di Siena, La Pietra (sott. Masaf): “Vetrina prestigiosa per valorizzare il cavallo italiano”

facebook twitter pinterest
Piazza di Siena La Pietra Masaf Vetrina prestigiosa valorizzare cavallo italiano

ROMA – “Il concorso di Piazza di Siena è una vetrina prestigiosa nella quale intendiamo valorizzare il cavallo italiano”. Così il sottosegretario al Masaf, Patrizio La Pietra, in una nota in cui sottolinea che per questo, “nell'ambito del 91° CSIO di Piazza di Siena, che rappresenta uno dei Concorsi internazionali più famosi al mondo nel settore degli sport equestri, la Fise ha programmato il Master Talent giovani cavalli, riservato ai migliori soggetti di 6 e 7 anni italiani, cui partecipa attivamente anche il Masaf”.

Un’altra iniziativa di promozione e valorizzazione del comparto ippico è il “Palio delle Regioni”, “circuito ippico promosso dal Masaf con la finalità di mettere in risalto, sotto l'aspetto della comunicazione e del coinvolgimento di nuovo pubblico, i valori dell'ippica e le specificità dei territori, al fine di creare una sinergia tra natura, cultura, sport, turismo, tradizione e le competizioni ippiche più radicate nel territorio e nella cultura del cavallo, nonché l'enogastronomia legata al made in Italy”, aggiunge La Pietra. Inoltre, un altro progetto che testimonia l’attenzione del ministero nei confronti dell’ippica a 360° è l’iniziativa “Oltre l’ostacolo del fine carriera”, il cui obiettivo “è quello di dare un futuro dignitoso ai cavalli da corsa che hanno terminato la loro attività agonistica in pista e offrirgli una nuova vita mettendo in evidenza le qualità per le quali sono eventualmente predisposti, superando, appunto, l'ostacolo del fine carriera”.

Infine, La Pietra ha concluso dichiarando che “stiamo riservando una attenzione generale per l'ippica e per tutti gli sport equestri, che vogliamo incentivare in molteplici forme, ricreando quell'entusiasmo e quella curiosità che hanno sempre circondato il mondo dell'ippica e del cavallo determinando i presupposti, ad esempio, per avere ippodromi accoglienti, moderni, aperti a varie possibilità di esperienze interconnesse, così da poter attirare nuovi appassionati”.

RED/Agipro

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

x

AGIPRONEWS APP
Gratis - su Google Play
Scarica

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password