Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 22/07/2018 alle ore 09:01

Ippica & equitazione

30/05/2018 | 08:50

Universiadi, D'Angelo (pres. Ippodromo di Agnano): "Nessuno ha consultato le categorie ippiche"

facebook twitter google pinterest
Universiadi D'Angelo Ippodromo Agnano

ROMA - "In merito al futuro dell'Ippodromo di Agnano è in corso una interlocuzione costruttiva che si è purtroppo complicata per le note vicende relative al bilancio comunale e alle relative dismissioni immobiliari previste, che riguardano la struttura stessa". Lo ha detto il presidente della società Ippodromi Partenopei, Pier Luigi D'Angelo, all'indomani del vertice Fisu sul villaggio atleti da individuare per le Universiadi a Napoli, su cui il comitato esecutivo si esprimerà il prossimo 15 giugno.  "L'Ippodromo di Agnano è di proprietà del Comune di Napoli e affidato in gestione alla nostra società fino al 31 marzo 2019, a fronte di una delibera della giunta comunale del marzo scorso. Al momento comunque continuiamo a mantenere gli elevati livelli della filiera occupazionale, ad ospitare i grandi eventi di intrattenimento e corse ippiche europee di alto profilo sportivo, come il gran premio Lotteria del 1° maggio scorso che ha portato all'ippodromo ventimila persone in un giorno, e il gran premio Unione Europea di gruppo 1, in programma il prossimo 10 giugno con maggior dotazione per cavalli internazionali di 4 anni", ha continuato.
D'Angelo quindi ha chiesto "come sia possibile aprire un cantiere per lavori di edilizia ed impiantistica senza preventiva e approfondita consultazione con le categorie ippiche e la società di gestione, al fine di salvaguardare il regolare svolgimento delle nostre attività ordinarie, soprattutto se l'area dell'ippodromo di Agnano individuata per gli alloggi degli atleti, secondo quanto apprendiamo dalla stampa, sarebbe eventualmente quella del parcheggio esterno o addirittura dell'allenamento cavalli. Un punto non ancora chiarito", sottolinea. "In entrambi i casi si tratta di ipotesi da valutare con estrema cautela, perché impattanti in maniera consistente. Sono tuttavia certo che le istituzioni vigilanti sapranno comprendere la complessità della situazione decidendo per il meglio, anche per la tempistica relativamente agli interventi di immissione e dismissione delle eventuali infrastrutture temporanee. Restiamo in attesa di un confronto plenario atto a verificare le condizioni suesposte", conclude D'Angelo.
RED/Agipro

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

x

AGIPRONEWS APP
Gratis - su Google Play
Scarica

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password