Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 23/03/2019 alle ore 20:41

Ippica & equitazione

08/03/2019 | 18:50

Ippica: all’Ippodromo SNAI La Maura, Anatra Jet liquida i rivali

facebook twitter google pinterest
ippica

ROMA - All’Ippodromo SNAI La Maura di Milano con il mese di marzo tornano le corse al venerdi’. Un programma con sette corse in questo 8 marzo, con i cavalli di tre anni che avevano a disposizione le monete piu’ ricche. Il Premio Oasis Bi chiamava gli esponenti della leva 2016 all’esame dei nastri: sei al via, e tutti al nastro dei 1650 metri, con Anatra Jet e Filippo Rocca che hanno sfruttato a dovere lo svolgimento e le “titubanze” altrui per centrare la seconda vittoria della carriera, a media di 1.16.4. Seconda dal via dietro Aurora Bieffe, la portacolori della scuderia Sant’Eusebio ha liquidato con un solo parziale la rivale sul penultimo rettilineo (con un penultimo quarto in 28.6) e ha poi proseguito sicura sino in fondo. Aurora Bieffe e’ rimasta al secondo posto, mentre A Modo Mio Bi ha concluso terzo anche perche’ gli altri erano tutti finiti sul tabellone degli squalificati: Jody Dragon (alla prima uscita per il training di Gocciadoro) ha galoppato nella fase iniziale quando tentava di serrare seconda (probabilmente spaventata da Anatra Jet che scendeva decisa in giu’, ma tra le due non c’e’ stato contatto); Aber dell’Olmo e Atlas Font hanno sbagliato quasi contemporaneamente sul penultimo rettilineo, il primo mentre provava a risalire all’esterno, il secondo da terzo in corda.

Il Premio Candid Effe ha aperto il pomeriggio di corse: dopo l’inattesa battuta d’arresto dell’ultima uscita, ha subito ripreso la marcia vincente la stimata Zeudi Amg: l’errore in avvio di Zittozitto Gso e quello sulla penultima curva di Zambesia Dany che provava la risalita all’esterno hanno facilitato il compito alla cavalla di Max Castaldo che dopo un primo chilometro in 1.14.1 ha staccato facile facile nei 400 finali firmando con 1.12.9 la sesta vittoria della carriera (in undici uscite) e il nuovo personale. Al secondo posto Zarina Ross, che in retta ha disposto di Zuzurro D’Asti, poi battuto anche per il terzo da Zonzo.

Alessandro Gocciadoro ha “raddrizzato” un pomeriggio sino a quel momento poco fortunato grazie all’atteso rientrante Vicario nel Premio Up Front Jm: in testa dopo 500 metri rilevando la compagna di training Vesna, il portacolori della scuderia Verner ha volato la seconda parte di gara in 57, media finale di 1.11.7 firmata in assoluta scioltezza e con impressione eccellente considerando che non era annunciato al top. Vesna ha conservato chiaramente il secondo posto su Vendome Ok, che ha regolato il gruppo per il terzo: poi Variago Selva, finito bene tra i cavalli dopo aver rinunciato al lancio trovando spazio solo in retta.

Tre anni di livello modesto nel Premio Zenith Effe, una reclamare sui 1650 metri con i gentlemen in cabina di regia: nella categoria non trascendentale, ha fatto la voce grossa Apple Time, centrando la prima vittoria della carriera e pure con un certo stile. La cavalla dei fratelli Castaldo (Massimiliano la “mente” e Marco il braccio) ha puntato decisa in avanti al passaggio e ai 700 finali ha sfondato su Akira Pizz, proseguendo sul passo per prendere vantaggio e vincere a media di 1.17. Akira Pizz e’ calata drasticamente in retta, cosi’ alle piazze e’ emersa Aly Prav finendo bene in retta sull’appostata Arrow Run, terza dal via.

Nel Premio Champion On Ice, una “maratonina” a resa di metri per cavalli di cat. F/G, a piazzare la zampata vincente e’ stato Tapis: con il suo preparatore Andrea Guzzinati in sediolo, il portacolori della scuderia Mary e Roby e’ entrato in azione nei 600 finali, sull’ultima curva ha affiancato Platone Gso, passato al mezzo giro finale liquidando la battistrada Saira, e in retta e’ passato sul rivale non particolarmente brillante per svettare a media di 1.16.8 sui 2700 metri, mentre Platone Gso e’ stato sopravanzato anche per il secondo posto da Velodrome.

Nel Premio Firm Tribute, finalmente esente da errori, ha ritrovato la via della vittoria il potente Veantur: guidato con decisione da Andrea Farolfi, il cavallo allenato da Andrea Sarzetto si e’ presentato subito su Revillon per rilevarlo al comando e andare via di gas (600 iniziali in 42.7, km in 1.12.) conservando comunque le energie per mantenersi in chiaro vantaggio anche nel finale e chiudere a media di 1.12.7. Un Teddymar rivisto su ottimi livelli ha preceduto per il secondo posto Ultimaluna Grif, che comunque si e’ comportata onorevolmente dovendo affrontare una risalita complicatissima, mentre Revillon dopo aver pedinato come un’ombra il vincitore e’ andato in bolletta in retta.

Il Premio Robert Bi, prova sui 1650 metri riservato a cavalli di 3 anni alla ricerca della prima vittoria in carriera, ha visto il successo di Akela Play: il cavallo allenato da Battista Congiu e guidato da Roberto Andreghetti ha sfruttato a dovere lo svolgimento mosso e nel finale e’ venuto a regolare in 1.15.5 il battistrada Adolf Indal, capace negli ultimi metri di rientrare all’attaccante Azteco dei Greppi: quarta a ridosso l’appostata Ambaraba Cc Gnafa.

RED/Agipro

Copyright immagini: FOTO DENA - SNAITECH

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

Ippica SNAI San Siro

Ippica, all’Ippodromo SNAI San Siro sabato Pazzesco

23/03/2019 | 19:41 ROMA - All’Ippodromo SNAI San Siro un fine settimana di corse che coincide con le Giornate di Primavera del Fondo Ambiente Italiano che anche quest’anno ha inserito nella lista dei 1100 luoghi piu’ belli d’Italia...

x

AGIPRONEWS APP
Gratis - su Google Play
Scarica

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password