Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 27/06/2017 alle ore 20:31

Attualità e Politica

06/06/2017 | 12:33

Garante Privacy: 282 ispezioni nel 2016, in lista anche società di gioco online

facebook twitter google pinterest
garante privacy giochi

ROMA - Sono state 282 le ispezioni effettuate nel 2016 dall’Autorità Garante per la protezione dei dati personali, composta da Antonello Soro, Augusta Iannini, Giovanna Bianchi Clerici e Licia Califano. È quanto stato illustrato durante la relazione sull'attività dello scorso anno. Le ispezioni, si legge nel report, hanno riguardato anche «società che offrono servizi di “gioco a distanza”, con specifico riguardo al trattamento dei dati personali dei giocatori raccolti nell’ambito dei servizi online, anche in riferimento all’eventuale profilazione degli interessati, alla comunicazione a terzi dei dati personali trattati o all’eventuale trasferimento degli stessi in altri Paesi, anche non appartenenti all’Unione europea”. L’Autorità ricorda inoltre che, con il provvedimento del 17 aprile 2016, è stata accolta «la richiesta presentata da alcune società che “svolgono attività di raccolta di gioco a mezzo di apparecchiature videoterminali (vlt) e di raccolta di denaro per conto dello Stato e/o del concessionario della rete telematica dell’Amministrazione dei Monopoli di Stato”, al fine di conservare sino a 15 giorni le immagini registrate dai sistemi di videosorveglianza installati presso 17 sale da gioco gestite dalle stesse e ubicate in diverse regioni italiane». Una decisione che “trova giustificazione nell’esigenza di tutela del patrimonio aziendale vista la necessità delle società di rispettare dei tempi tecnici minimi (stimati in non meno di 10/15 giorni) per eseguire più efficaci controlli sul denaro e sulle apparecchiature presenti in sala nonché per visionare le immagini registrate dalle varie telecamere (al fine di prevenire la commissione di illeciti, specie con riferimento agli ammanchi di denaro)». Nel complesso, l’intera attività del Garante ha portato a sanzioni amministrative riscosse per circa 3,3 milioni di euro, 561 provvedimenti collegiali e oltre 24mila risposte a quesiti. RED/Agipro

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password