Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 10/12/2016 alle ore 20:48

Attualità e Politica

20/04/2016 | 13:00

Giochi, Astro: «Proposte dell’Anci: troppa voglia di casinò»

facebook twitter google pinterest
Giochi Astro anci casinò

ROMA - Le proposte presentate dall’Anci per i lavori della Conferenza Stato – Regioni propongono per il settore giochi, in estrema sintesi, di estromettere «tutte le sale dalle città e sostituirle con uno o più Casinò». E’ quanto sottolinea in una nota l’associazione Astro, che rileva come nel contributo dei Comuni manchino «i riferimenti statistici circa gli accessi ai servizi sociali per il sostegno al reddito, cagionati dal gioco patologico, le relazioni dei servizi comunali in ordine alle problematiche minorili derivanti dai genitori malati di gioco o dai ragazzi messi sotto osservazione per la loro ludopatia, le progettualità o gli indirizzi per l’allestimento della prevenzione culturale».

La premessa del documento «si incentra sulla asserita nebulosa normativa che ha generato l’attuale industria del gioco legale posta al cospetto di una chiara sentenza della Corte Costituzionale, in cui si “spronerebbe” il Legislatore a liberalizzare i Casinò», con le proposte di «espellere ogni “sala” contenente gioco (questo è l’effetto del distanziometro, abbinato agli strumenti urbanistici); ricevere qualche soldino dalle altre forme di gioco lecito, da destinare alla “pubblica utilità”; “meditare” su un riordino normativo che non può più lasciar fuori i Casinò».

Proposte che avrebbero come «risposta fisiologica una “levata” di scudi, cui si aggiungerebbe la domanda su come ripianare i 3 miliardi l’anno di fiscalità che le sale garantiscono, e su come risarcire i 900 milioni sino ad ora incamerati dall’Erario per la vendita dei diritti Vlt, e i 2 miliardi spesi per allestire gli ambienti».

RED/Agipro

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

Scommesse Civitavecchia

Scommesse, Civitavecchia: scoperti tre locali senza licenza

09/12/2016 | 10:45 ROMA - La Polizia di Civitavecchia ha scoperto tre locali che offrivano al pubblico scommesse su eventi sportivi senza autorizzazione e denuncerà il tutto all'autorità giudiziaria, per il reato di frode in competizioni...

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password