Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 02/12/2016 alle ore 18:12

Attualità e Politica

06/11/2015 | 17:59

Operazione "Gambling": Tribunale maltese dissequestra beni e società di Mario Gennaro

facebook twitter google pinterest
Operazione Gambling: Tribunale maltese dissequestra beni e società di Mario Gennaro

ROMA - I giudici maltesi hanno dissequestrato beni e società riconducibili a Mario Gennaro, il principale indagato dell’operazione “Gambling” della DDA e della Procura di Reggio Calabria che il 22 luglio ha portato all’arresto di 41 persone e al sequestro di beni per 2 miliardi di euro, accusate di gestire  un giro di scommesse online dall’Italia verso l’estero e di rappresentare gli interessi nel settore della ‘ndrangheta. La decisione della corte di Valletta, che certifica la piena legittimità delle attività in territorio maltese e che non inficia in alcun modo i provvedimenti assunti in Italia è arrivata al termine di un lungo lavoro di accertamento della situazione amministrativa, contabile e fiscale delle persone e delle società finite nella rete degli inquirenti italiani. L’ordinanza dell’Attorney General – Donatella Frendo Dimech – che per mesi ha collaborato con le autorità italiane riguardano Mario Gennaro, numero uno del bookmaker Betuniq, e altri cinque indagati.
Le società interessate sono invece Tebaral Holding, Tebaral Limited, Uniq Group, Uniq Shopping, Betsolution4U, Fast Run e Start Games. Le indagini in Italia non si sono comunque concluse, confermano ad Agipronews fonti investigative di Reggio Calabria. Nessun nuovo sequestro è previsto, secondo quanto si apprende, e anche le rogatorie internazionali stanno consentendo la raccolta di ulteriore documentazione a sostegno dell’inchiesta. E’ invece imminente lo stralcio della posizione di diversi imputati – in particolare del gruppo che fa capo a Vincenzo Giuliano – accusati di violazione della normativa relativa ai giochi. Gli stessi investigatori non hanno infine né confermato né  smentito la notizia diffusa ieri secondo la quale Mario Gennaro – detenuto nel carcere di Nuoro – avrebbe avviato un rapporto di collaborazione con la giustizia.
NT/Agipro
 

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password